Cenone Capitale L’ultima notte dell’anno nei ristoranti di Roma

Da Trastevere a Trinità dei Monti, passando per Piazza del Popolo e Rione Ludovisi, ogni quartiere della Capitale ha il suo cenone per l’ultimo dell’anno. Da proposte tradizionali a menu orientali, ecco la nostra selezione tra cui scegliere il proprio locale preferito

D’accordo, la variante Omicron non ci fa dormire sonni tranquilli. Ma con tanti vaccini e tanta cautela, il 2021 potrebbe chiudersi in bellezza. Le cucine dei ristoranti sono in fermento in attesa del fatidico finale di un anno ancora difficile ma pieno di speranze. Anche Roma si prepara all’evento. Lo fa da par suo, con quel mix di genuinità e di magniloquenza che la caratterizza. Anche a tavola. Per chi trascorrerà il Capodanno nella capitale, tante proposte che partono dalla bottega di rione per finire al ristorante superfigo. L’unica avvertenza: considerati anche i vini – di norma esclusi dai menu ufficiali – sarà praticamente impossibile restare sotto i 100 euro. E da questa base si può salire tanto, specie quando la scelta cadrà sull’esperienza completa di pernottamento nei migliori hotel. Partiamo subito con una carrellata di locali e di menu.

Il nostro tour comincia da quello che storicamente è uno dei quartieri popolari della storia romana: Trastevere. Qui, a pochi metri dalla movida di Piazza Sant’Egidio, da una parte, e dalla quiete di Piazza San Cosimato, dall’altra, c’è Santo Trastevere, bistrot e cocktail bar in via della Paglia. Tanto nell’offerta culinaria che in quella dei cocktail, questo locale propone prodotti di elevata qualità e un contesto elegante. Il menu di fine anno prevede: Mini tartare di tonno, pane Guttiau e maionese al lime, Bottoncino all’olio, stracciatella, puntarelle e alici, Battuta di gambero rosso di Mazara, Robiola, sale agli agrumi e tartufo nero pregiato, Triglia croccante, julienne di zucca marinata al timo e maionese alle erbe, Cappellaccio agli scampi in tre consistenze in salsa, cotti e crudi, Trancio di ombrina crema di carciofi, fondo di pesce e carciofi croccanti, Profiterole pralinato della pasticceria De Bellis, Panettone artigianale con crema di cioccolato bianco, Lenticchie e cotechino, Noci e clementini. Costo €120. Prenotazioni al 3461425295 o allo 0658377020.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Santo Trastevere (@santotrastevere)


Sempre in zona si trova Ercoli 1928, bottega tradizionale di eccellenze gastronomiche con un nuovo locale qui, che si aggiunge al cocktail bar con champagneria in zona Prati e al Vermouth bar in viale Parioli. Perfetto per la spesa quotidiana e per i regali delle feste, la bottega ispira quest’anno più di 60 tipi di panettoni e pandori provenienti da 14 pasticcerie artigiane. E per il 31 dicembre mette in campo ben due menu di mare. Uno a 85 euro: Ostrica Gillardeau, gel di melograno, Carpaccio di polpo rosticciato, pavé di patate alle erbe e barbecue di mare, Risotto Acquerello, crostacei, puntarelle e zenzero, Trancio di tonno rosso, croccante di castagne, giardiniera di verdure, panna acida e senape antica, Bavarese al cioccolato fondente, gelatina di passion fruit e pepe, frangipane alle noci. Il secondo a 135 euro: Ostrica Gillerdau, gel di melograno, Pasta soffiata con crème fraîche e caviale Osietra, Salmone Red King selvaggio con burro francese, Crudo di gamberi rossi di Mazara del Vallo, olio ai crostacei e chips di quinoa, Capesante, la loro bottarga, carote viola affumicate, gel di bergamotto e tartufo bianco, Risotto alle alghe, tartare di ricciola e lime, Filetto di rombo chiodato, bietoline rosse, spugna al nero di seppia, bouillabaisse, Bavarese al cioccolato fondente, gelatina di passion fruit e pepe, frangipane alle noci. Si può prenotare a Trastevere allo 0696527412, ma anche ai Parioli (068080084) e a Prati (063720243).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ercoli 1928 (@ercoli1928)


Facciamo un salto nel movimentato quartiere nomentano, di norma pieno di studenti universitari, a ridosso di piazza Bologna. Qui è aperta da poco la succursale del Meat Market, un format premiato a Testaccio da un travolgente successo. Due imprenditori di origine pugliese, Anita Nuzzi e Vito Fiusco, hanno portato nella Città Eterna le atmosfere delle tipiche steakhouse statunitensi. Il cenone di capodanno 2021 – al prezzo di 85 euro – propone Flûte di benvenuto Bellussi Cuvée Prestige, Cornettino salato zucca, taleggio e pancetta croccante, Tartare di Black Angus su crema di patate arrosto, stracciatella e julienne di porri croccanti, Tortino di zucchine filante con colatura di provola e guanciale croccante, Agnolotti piemontesi al ragù di selvaggina, Risotto funghi porcini, tartufo e crumble di nocciole tostate, Filetto di maialino cotto a bassa temperatura su fonduta di pecorino e spinacino croccante, Mousse al cioccolato e pistacchio con pan di spagna e salsa alle nocciole. Dopo la mezzanotte, oltre a lenticchie e cotechino, intrattenimento musicale e l’opportunità di richiedere i cocktail preparati dal team di bartender. Si prenota allo 0644290319.


Esperienza singolare quella di trascorre San Silvestro alla… Stazione ferroviaria. Eh sì, in occasione dell’ultimo dell’anno, il Mercato Centrale con sede nella spettacolare Cappa mazzoniana della Stazione Termini, in via Giolitti 36, resterà aperto fino alle 3 del mattino. Si potrà approfittare del DJ-set e delle bontà degli artigiani: si può girare tra le botteghe, ma anche scegliere la “Che Buono Card” e avere una carta prepagata del valore di 60€ spendibile presso le botteghe: dà diritto ad un tavolo riservato con Prosecco e panettone. Inoltre, la Locanda di Stazione gestito dalla famiglia Alferini propone un menu speciale a 100 euro, preparato con un mix di ingredienti semplici e sofisticati. Ispirandosi al nonno – importante progettista della prima metropolitana milanese da cui ha ereditato il nome – e ai tempi in cui ha vissuto, Giovanni Alferini Bertugno dà vita a un format che ruota attorno alla storia di famiglia, richiamando l’immaginario nostalgico delle trattorie di un tempo, in particolare quelle che si trovavano proprio nei pressi delle stazioni ferroviarie. Qui, le storie dei passeggeri incontrano una cucina rigorosamente italiana e classica, ma anche il bar della locanda, dove Giovanni e Carlo Piccerillo aprono la tradizione alle tecniche più avanzate e moderne di bartending internazionale. Per prenotare: 0646202989.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mercato Centrale Roma (@mercatocentraleroma)


Ci spostiamo a Prati, un quartiere storico del I Municipio, dove la scena gastronomica è sempre molto invitante. A partire dalla Enoteca La Torre, stella Michelin dal 2010, ospitata sotto le magnifiche volte liberty di Villa Laetitia al Lungotevere delle Armi. Dotato di una ricercata cantina, integrata dalla selezione di bottiglie di Anna Fendi Venturini, può contare sulla abilità di Domenico Stile, chef campano, giovane ma esperto. Ed ecco il cenone di San Silvestro (costo: €300): Stuzzichini dello chef, Polpo arrosto, cavolo viola, pere e Ras-El-Anut, Pie di anatra in salmì, kumquat e kale,  Gnocchetto di topinambur, gamberi rosa, spugnole e tartufo bianco, Come una penna vodka e salmone, Trota salmonata, beurre blanc, pomodoro del Piennolo e black bergamot, Uovo di quaglia, taleggio di bufala, tartufo nero ai sentori di sottobosco, Agnello alle mandorle, spuma alla senape di Dijonne e cime di rapa, Castagne, cannella, kefir e nocciole, Pasticceria, Cotechino e lenticchie. Per info e prenotazioni: 0645668304.


Sempre a Prati, a pochi passi da Castel Sant’Angelo e da Borgo Pio, all’interno dell’Hotel Atlante Star, c’è il ristorante Les Étoiles, regno dello chef William Anzidei. Per celebrare la notte di San Silvestro si può scegliere tra due formule. Un sontuoso menu da gustare nelle sale del ristorante (390 euro a persona vini esclusi, 490 euro con vini in abbinamento): Ostrica del Gargano, granita di Champagne e caviale, Carpaccio di spigola dell’argentario, gel di melograno e menta piperita, Fagottino stracciatella di bufala, tartufo nero e gamberi rossi di Mazara del Vallo, Tagliolino di erbe aromatiche, stracotto d’agnello e funghi galletti, Sogliola, lemongrass e cocco, Quaglietta arrostita, topinambur e tartufo e l’Armonia di cioccolati, rhum e panettone. Chi preferirà un menu più smart (e anche più economico: 150 euro) potrà invece prenotare in terrazza (riscaldata) al settimo piano: Ostrica al tabasco verde, Capasanta al melograno, Scampi e caviale, Tortello al ragù di scorfano e tartufo, Polpo alla siciliana, Costoletta di rombo, soffice di patate e timo. A mezzanotte, sorpresa finale, per tutti gli ospiti, sul Roof Garden dell’Atlante Star con uno sguardo su Roma di notte a 360°. Info e prenotazioni allo 06686386.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Terrazza Les Etoiles (@terrazzalesetoiles)


Sempre nei pressi di Castel Sant’Angelo, da segnalare anche il Taki Off in via Marianna Dionigi. Qui lo chef Massimo Viglietti porta la sua dote di stelle Michelin conquistate in altri precedenti contesti. Il menu – al costo di 250 euro – resta fedele all’impostazione del ristorante senza la rigida tripartizione antipasto/primo/secondo: Ostrica, scalogno confit, passata di lampone, Puntarelle, cappasanta in tempura e salsa di “bagna cauda”, Wagyu, purè di patate, tartufo e spugnole, Castagne, guanciale, anguilla giapponese, salsa di mozzarella, Soba al nero di seppia, vongole, robiola e caviale, Foie gras fresco spadellato, marmellata di ciliegie, gelato di panettone, Meringa italiana al rosmarino, cioccolata calda e nocciole. Prenotazioni al 389 5656992. Anche gli appassionati di cucina nipponica avranno la loro opportunità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Taki Off (@takioff.roma)


Taki, ristorante giapponese di cucina autentica e tradizionale, sempre in via Marianna Dionigi, oltre al menu alla carta dei patron Yukari e Onorio Vitti, offre anche un fuori menu speciale dello chef Massimo Viglietti a base di 5 Nigiri (€40). Si chiama Sushi Gourmet Yuko e comprende: Nigiri di castagna, olio d’oliva, calamaro, robiola, nocciola e tartufo bianco, Nigiri di limone, burro, bottarga di muggine e caviale, Nigiri di tartare di gambero rosso, foie gras con riduzione di caffè a e foglio d’Oro, Nigiri di tapenade d’oliva pesce bianco e marmellata di ciliegie, Nigiri di petto d’anatra basso cottura, kamoroast e salsa tonkatsu, scaglie di parmigiano, funghi champignon e zenzero rosso. Si prenota allo 063201750.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Taki Japanese Restaurant (@taki.roma)


Restiamo a Prati in via Giuseppe Gioacchino Belli per visitare Carter Oblio, guidato dallo Ciro Alberto Cucciniello che per la cena di fine anno propone: Tagliere di pani e focacce con burro al tartufo, burro di bufala e alacce, olio di ravece, Ostrica e litchi, Capasanta alla brace, topinambur, cardoncelli e tartufo nero pregiato, L’anatra e lo Stagno, Risotto Rapi del Trasimeno, anguilla al fumo, bergamotto e grana di Capra, Fettuccina ripiena di lepre, vichyssoise di levistico e fondo di cacciatora, Morone alla cenere, crescioni selvatici e moules marinières, Costine di cervo, erbe amare e scarola dolce, Craquelin di caldarroste, cachi, sciroppo di carrube e chantilly alla tonka, Rocher al caramello di mandorle e noci Salate. Prezzo euro 150 (degustazione di vini in abbinamento euro 50 a persona). Prenotazioni al 3914649097.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carter Oblio (@carteroblio)


In zona Gregorio VII, a pochi passi da San Pietro, c’è Cresci, ristorante aperto tutti i giorni dalla colazione fino al dopocena: un po’ forno, un po’ osteria e pizzeria e perfino cocktail Bar. Il menu del 31 dicembre (a soli 80 euro) propone: Mini bagel al pastrami di manzo, Crema di zucca, provola affumicata e amaretti, Vitello tonnato, Crocchetta di insalata russa e salmone affumicato, Risotto al blu di bufala, nocciole e terra di funghi porcini, Tagliolini al ragù bianco di anatra e cavolo nero, Tacchinella arrosto, patate mantecate all’olio, purea di carote e spinaci baby, Semifreddo al panettone “Cresci”, crema alla vaniglia e confettura di arance amare. Si prenota allo 0651842694.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cresci (@cresciroma)


Nei pressi di Piazza Farnese, invece, a pochi passi dal Tevere, incastonato tra i gioielli della Roma papalina, c’è il Giulia Restaurant, nel cuore di via Giulia. Per l’ultimo dell’anno lo chef Alessandro Borgo ha realizzato un menu ad hoc: Ostrica con mela verde e aneto, Crudo di merluzzo, scalogno, vermut e canapa, Cervo, emulsione di granchio, limone e puntarelle alla brace, Cavolfiore, ruta e tamarindo, Ravioli di lenticchie nere, ricci di mare, midollo e acetosella, Pasta & patate, caviale e vodka, Anatra con foie gras e indivia, il predessert Lichis, pepe rosa e lime, il dolce Gianduia, rabarbaro e caramello salato. Immancabili, le Lenticchie di Ventotene e Cotechino cui si aggiunge, infine, la Zuppa inglese per un ultimo dolce saluto. Costo: 180 euro a persona. Vini in abbinamento: 90 euro a persona. Prenotazioni allo 0695552086.

Ci spostiamo progressivamente verso Roma Sud. Nella zona di San Saba da segnalare Aventina Carne e Bottega in via della Piramide Cestia. Qui lo chef Matteo Militello proporrà un menu di San Silvestro – al costo di 100 euro a persona – a base di Salmone selvaggio red king, cialda di farro, caprino e mirtilli, Carpaccio di cervo con puntarelle e melograno, Carciofo alla carbonara, Risotto Carnaroli con rapa rossa, gelato al taleggio e nocciole piemontesi, Cappellacci di porcini con crema di zucca e tartufo bianco, Carrè di cervo con crema di patate all’olio Basilio, mirto e tartufo nero, Sorbetto di limone e basilico, Frolla alle mandorle con bavarese al fondente e pistacchio. A mezzanotte, Champagne, lenticchie e cotechino. Costo della serata 100 euro a persona. Info allo 0666594151.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da A V E N T I N A (@aventina.roma)

Proseguendo in direzione Ostiense ecco l’Elegance Cafè Jazz Club dove lo chef Gabriele Cordaro, ispirato dalle contaminazioni internazionali della sua cucina, propone un viaggio alla scoperta dei sapori e dei colori del Brasile, accompagnato dalla voce e dal samba di Mariangela Morais, artista originaria di San Paolo. Ecco il menu: Caipirinha al cucchiaio, Ceviche di astice, caviale e guanabana, Tataki di Manzo al caffè, pastinaca e Porto, Raviolo di feijoada, cointreau e parmigiano, Tagliolini con capesante, senape, lime e chips di manioca, Moqueca di Dentice e Platano e, per dessert, Cioccolato fondente, papaya, perle di tapioca e arachidi. Prezzo del cenone: 140 euro a persona. Per prenotare: 0657284458.

Si arriva finalmente all’Eur dove spicca l’offerta di Livello 1, il ristorante focalizzato sulle pietanze di mare e animato dallo chef Mirko di Mattia. Il costo della serata del 31 dicembre – che comprende anche la musica dal vivo – è di 150 euro. Il menu prevede una selezione di antipasti crudi (scampo, gambero rosso, tartare di pescato e ostrica David Hervé), Paccheri, crema di carciofi alla romana, gamberi e topinambur croccante, Branzino con cicoria, patate e fondo di mare, infine il tradizionale Babà. Info allo 065033999.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ristorante Livello1 (@ristorantelivello1)

Ritorniamo verso il centro, nella zona che va da Piazza del Popolo fino all’antico Porto di Ripetta. Qui brilla la stella del giovanissimo chef Daniele Lippi, premiato dalla Guida Michelin. Il ristorante è Acquolina e si trova al primo piano del The First Roma Hotel, in via del Vantaggio. Il menu degustazione di San Silvestro – al costo di 450 euro – offre nell’ordine: Ricciola, fegato grasso, lenticchia, Astice, mandorla, zucca, Risotto con siero di bufala, scampo, cioccolato, Tortello di faraona al tartufo bianco, Filetto di vitello, Cacao crudo, Panettone 2.0. Si prenota allo 063201590. Ad un costo inferiore, ma non troppo (€350) si può optare anche per l’Acquaroof con il seguente menu: Crudo di pesce, Baccalà mantecato al tartufo, Tagliolino all’astice, Risotto gamberi rossi, carciofi e limone, Sogliola alla mugnaia, caviale, Montblanc, sorbetto ai mirtilli, Panettone 2.0. In questo caso la prenotazione va fatta allo 063200655.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Acquolina Ristorante (@acquolinaristorante)


Proprio sulla via di Ripetta, poco dopo l’Ara Pacis, si affaccia Il Marchese, ristorante esplicitamente ispirato al celebre Marchese del Grillo interpretato da Alberto Sordi. Il locale è anche il primo Amaro Bar d’Europa e di recente ha fatto ingresso nella Guida Michelin. Il giovane cuoco Daniele Roppo propone le seguenti portate: Carciofo alla romana ripieno di baccalà mantecato, cialda di mentuccia e pecorino, Battuto di manzo, zabaione, cipolla caramellata e sale Maldon, Pacchero acqua e farina, astice, pomodorino e timo, Raviolo ripieno di genovese di manzo su crema al parmigiano e riduzione di Aleatico, Filetto di rombo in crosta di pane alle erbe, patate al burro e rosmarino e maionese di fruit passion, Polpette di agnello su vellutata di zucca e amaretti. Il prezzo del cenone è di 170 euro a persona con una bottiglia di vino per 4 persone. Info allo 0690218872.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Il Marchese (@ilmarcheseroma)


Concludiamo con un crescendo spostandoci nel Rione Ludovisi, il quadrante attraversato da Via Veneto, un tempo cuore della Dolce Vita. A Barberini, proprio di fronte all’Ambasciata americana, c’è il Moma. Il nome sembra l’acronimo del museo di New York ma siamo nel ristorante stellato dello chef Andrea Pasqualucci. Qui il Cenone di San Silvestro offrirà (per 270 euro a persona) Vodka Beluga e caviale, Ostrica, lardo magro di vito e sorbetto di cipolla rossa, Terrina di foie gras, mele limoncelle al Sauternes e pan brioche, Tagliolini all’astice affumicato e trombolotto, Risotto Cascina Oschiena, zafferano, midollo e aceto balsamico tradizionale Acetaia del Montale, Filetto di manzo Marango, castagne, radicchio e fondo al porto vintage Quinta do Noval 2007, Creme brulée al tartufo bianco. Info allo 0642011798.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ristorante Moma * (@ristorante_moma)


Da Settimo, ristorante con vista sui giardini di Villa Borghese situato all’ultimo piano del Sofitel Hotel Roma Villa Borghese, lo chef salernitano Giuseppe D’Alessio propone due percorsi degustazione, per onnivori e per vegetariani. Il primo prevede: Tartare di tonno, spigola e ostrica al naturale salsa caviale, uovo e capperi, Spuma calda di patate e Montasio con uovo di anatra pochè tartufo nero di Norcia, Maccheroncini all’estratto di cavolo viola con astice blu, limone candito e pomodorini al forno, Filetto di ricciola scottato, crema di radice di prezzemolo salsa al tartufo bianco, Granita pompelmo e Champagne, Wagyu scottato al rosmarino,millefoglie di topinambur, patate e pastinaca, Gran dessert di capodanno, Zampone e lenticchie, Delizie di Capodanno. La versione vegetariana offre: Cestino di parmigiano con verdure saltate e tartufo, coulis di pomodorini pachino, Tortello liquido di stracciatella e zafferano, burro demi-sel salvia, Risotto al tartufo bianco, Variazione di carciofi, crema di pecorino e sfoglie di pane casereccio, Granita di pompelmo e champagne, Zucchina tonda, ripiena di pane, mozzarella e capperi salsa al pesto. La serata comprende accompagnamento musicale e una delle più suggestive viste sulla città. Costo 500 euro a persona in prima fila (450 in seconda fila). Info allo 06478021.


Un panorama mozzafiato della città eterna si gode anche dal ristorante Mirabelle dell’Hotel Splendide Royal in via di Porta Pinciana. Qui lo Chef Stefano Marzetti propone un menu a 700 euro: Ostrica, burrata e ravanelli fermentati allo champagne, Gamberi rossi croccanti ai cereali, insalatina di guacamole e foglie di shiso, Uovo 65° con spuma di caciocavallo podolico e tartufo bianco d’Alba, Cappellotti di patate allo zafferano in zuppetta di aragosta e perle di caviale, Black cod con purea di topinambur, uvetta, pinoli e radicchio alla brace, Sorbetto al cassis e dadolata di mela verde, Vitello alla birra, purea di castagne cicorietta piccante e salsa ai mandarini, Cremoso di cioccolato bianco e frutto della passione con crumble al cacao e sorbetto di mango. Chi preferisce una serata più informale, può spostarsi sulla terrazza coperta dell’Adèle Mixology Lounge che propone un pacchetto a 300 euro. Prenotare allo 0642168838.


Concludiamo nel lusso di Trinità dei Monti su Piazza di Spagna. Qui l’Imàgo dell’Hotel Hassler propone per il cenone di San Silvestro la seguente degustazione: Crudo misto di mare e caviale, Carne cruda alla pizzaiola, nocciole, capperi, salsa bernese e tartufo bianco d’Alba, Agnolotti del plin ai tre arrosti di pesce, Riso acido, nocciole, funghi e tartufo bianco d’Alba, Aragosta alla catalana, Lenticchie, cotechino, miele di castagno e tartufo bianco, Millefoglie, vaniglia, melograno e nocciole salate. Il costo è di 980 euro a persona. Anche in questo caso c’è una seconda opzione (a 450 euro) presso il Salone Eva al piano terra dell’Hotel Hassler. Il menu elaborato dall’Head Chef Marcello Romano prevede Zabaione salato allo Champagne, ostrica e finger lime, Tartare di tonno, composta di cipolla, fagioli di soia, Tagliolini ai gamberi rossi, crema di prezzemolo e polvere di capperi, Ravioli di anatra, zucca e funghi chiodini, Filetto di vitella in crosta speziata, castagne e tartufo. Info e prenotazioni allo 0669934726.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Imàgo all’Hassler (@imago_hassler)


Insomma: nella Capitale, le offerte di qualità proprio non mancano. Bisogna solo augurarsi che il coronavirus non giochi un brutto tiro proprio nelle ultime ore di quest’anno difficile. E allora… buon 2022 a tutti!