Contro il regime di PutinL’Unione europea non può cercare il dialogo con i dittatori, dice Daria Navalnaya

Il Parlamento europeo ha assegnato il premio Sacharov 2021 per i diritti umani e la libertà di pensiero ad Alexei Navalny, incarcerato ingiustamente dal Cremlino. Nell’Aula di Strasburgo è intervenuta la figlia del leader dell’opposizione russa: «Perché è così difficile liberare dalla prigionia coloro che si battono per i diritti umani?»

LaPresse

«Perché è così difficile liberare dalla prigionia coloro che si battono per i diritti umani? Perché queste persone finiscono in prigione, anche nei Paesi europei, nel ventunesimo secolo? Sempre più spesso persone come mio padre finiscono dietro le sbarre». Sono le parole di Daria Navalnaya, figlia di Alexei Navalny, all’Europarlamento di Strasburgo.

Daria Navalnaya ha ricevuto il premio Sacharov 2021 per i diritti umani e la libertà di pensiero conferito a suo padre. Il riconoscimento viene assegnato ogni anno dal Parlamento europeo per premiare a libertà di pensiero, e quest’anno è stato dato al leader della opposizione russa.

Nel corso della cerimonia nell’emiciclo del Parlamento europeo Navalnaya ha definito il premio «un enorme onore, un riconoscimento dei suoi meriti e una grande lode del suo lavoro, che sta continuando anche grazie a ai suoi collaboratori». Ma soprattutto, «è un segnale per quelle decine di milioni di cittadini del mio paese che desiderano un destino migliore per la Russia, e combattono per questo».

Attualmente Navalny sta scontando una condanna di tre anni e mezzo di prigione, con oltre due anni ancora da scontare. Il leader dell’opposizione al regime di Putin sta morendo in carcere: attualmente è detenuto presso una colonia penale di alta sicurezza, dove ha iniziato un lungo sciopero della fame alla fine di marzo 2021, per protestare contro la mancanza di accesso alle cure mediche.

Dopo essere scampato per miracolo al tentativo di assassinio con il veleno Novichok, Putin lo ha fatto arrestare all’aeroporto di Mosca, facendo eseguire una sentenza farsa per un reato inventato dai suoi inquisitori.

È per questo che Daria Navalnaya nel suo discorso ha criticato chi, in Europa e nel mondo occidentale, continua a preferire un approccio pragmatico contro dittatori come Putin e Lukashenko: «Questo è il Premio Sacharov. E Andrei Sakharov era probabilmente una delle persone più non-pragmatiche del pianeta. Non capisco perché coloro che sostengono relazioni pragmatiche con i dittatori non possono semplicemente aprire alcuni libri di storia. Sarebbe un atto molto pragmatico e, una volta fatto, è molto facile capire l’ineludibile legge politica: la pacificazione con dittatori e tiranni non funziona mai», ha detto la figlia di Navalny.

L’appello contro l’autoritarismo di Putin non riguarda solo l’opposizione interna. Da settimane il confine tra Russia e Ucraina è di nuovo un fronte caldissimo. «Quanto costerà all’Europa la guerra con l’Ucraina? Anche adesso, con così tante notizie sulle truppe russe al confine con l’Ucraina, nessuno reagisce davvero. Nessuna cooperazione commerciale pragmatica recupererà la quota dei costi che dovrà essere sostenuta. Per non parlare del costo del tempo che i politici occidentali hanno già dovuto spendere per risolvere questo problema invece di occuparsi degli affari dei propri Paesi», ha detto Daria Navalnaya.

Il presidente dell’Europarlamento, David Sassoli, ha introdotto Daria Navalnaya citando l’impegno dell’Assemblea al fianco di Alexei Navalny: «Nell’assegnare il premio Sacharov ad Alexei Navalny riconosciamo il suo coraggio e ribadiamo il nostro sostegno per il suo rilascio immediato. Sacharov sarebbe fiero del coraggio e della determinazione mostrata da Navalny in questi mesi in cui è stato torturato, avvelenato, incarcerato, ma non ha mai smesso di manifestare il suo pensiero libero.Penso che lottare contro la corruzione significhi lottare per i diritti umani, per la dignità, per un buon governo e lo Stato di diritto. Lui è un prigioniero politico. E noi come Europarlamento chiediamo il suo rilascio, un rilascio incondizionato».

Assegnato per la prima volta nel 1988 a Nelson Mandela e ad Anatolij Marčenko, il Premio Sacharov è il massimo riconoscimento che l’Unione europea conferisce agli sforzi compiuti a favore dei diritti dell’uomo. È attribuito a singoli, gruppi e organizzazioni che abbiano contribuito in modo eccezionale a proteggere la libertà di pensiero.

****

Di seguito alleghiamo il testo integrale del discorso di Daria Navalnaya al Parlamento europeo:

Ciao. Grazie. Grazie mille, è davvero incredibile.

Prima di iniziare il mio discorso, volevo solo dire a tutti quanto sono incredibilmente grata di essere qui ad accettare questo premio per mio padre e allo stesso tempo assolutamente terrorizzata. È un grande onore per me poter stare qui oggi di fronte a voi e, come studentessa universitaria di 20 anni, che non sa molto di politica, sono ansioso di rovinare tutto.

Quando ho saputo che mio padre, Alexey Navalny, ha ricevuto il Premio Sacharov, sono stata estremamente felice per due motivi. Il primo: questo è un enorme onore, un riconoscimento dei suoi meriti e una grande lode del suo lavoro, che è stato fatto e sta continuando grazie a lui e ai suoi collaboratori. E, cosa più importante, è un segnale per quelle decine di milioni di cittadini del mio paese, che desiderano un destino migliore per la Russia e combattono per questo.

Citerò anche il secondo motivo, anche se è un po’ franco e imbarazzante. Mio padre sta ricevendo questo premio dal Parlamento europeo e quando ricevi un tale premio, hai un’incredibile opportunità di parlare di fronte al Parlamento europeo. Sfortunatamente, per ovvie ragioni, mio padre non ha potuto essere qui oggi, e allora ho pensato tra me e me: beh, immagino che qualcuno faccia meglio a correre a comprare quei biglietti per Strasburgo e cogliere quest’opportunità.

E nel corso del tempo, mi sono resa conto che, sebbene venire qui sia fantastico, probabilmente è anche esattamente uguale al mio peggior incubo, e quello della mia famiglia. Io viaggio a diverse conferenze, diversi vertici, tenendo discorsi a nome di mio padre. A volte gli viene persino assegnato qualcosa. Ma io sono una persona in viaggio. Scrivo un discorso. Magari inizia con una battuta. Ma lui intanto è in prigione. E nel frattempo continuerò a viaggiare leggendo articoli sulle orribili condizioni in cui è trattenuto mio padre. Non è che ci sia molto da fare al riguardo. Quindi viaggio e parlo. E continua a essere tenuto in carcere.

E questo non riguarda solo Alexey Navalny. Dove sono ora i vincitori dello scorso anno, l’opposizione bielorussa? Per lo più in prigione. Dov’è il premio Nobel per la Pace 2010 – Lui Xiaobo? È morto in prigione.

E qui mi pongo una domanda: perché è così difficile liberare dalla prigionia coloro che si battono per i diritti umani? Perché vengono ancora gettati in prigione non solo in tutto il mondo, ma nei Paesi europei, geograficamente europei, nel 21° secolo?

L’Europa è grande e onnipotente. La volontà dei cittadini europei è espressa nelle risoluzioni dei membri del Parlamento europeo. E quelle sono risoluzioni precise, corrette, eque. Sono supportati dal Regno Unito e dagli Stati Uniti. E l’Australia, la Nuova Zelanda e l’intero mondo libero. Ma quelli, che, come mio padre, continuano a stare seduti in prigione, guardano sempre più spesso anche i loro alleati che vengono gettati dietro le sbarre.

Sapete, l’ho sentito molte volte e sono sicura che lo sentirò di nuovo. Forse anche nei corridoi dopo questa cerimonia. «Sai Dasha, – mi diranno – Capiamo perché ti senti in questo modo perché riguarda la tua famiglia e i tuoi cari. Nel mondo reale, tuttavia, dobbiamo agire in modo più pragmatico».

E in quei corridoi, annuirò con la testa e risponderò: Sì, sì, certo. Che altro può dire? Sono una studentessa universitaria di 20 anni e non mi sento molto a mio agio a discutere con pragmatica esperta e responsabile.

Tuttavia, qui oggi, approfittando del fatto che ho un microfono, nessuno lo prenderà e non devo litigare con nessuno personalmente, sentendomi scortese, vorrei oppormi a questo pragmatismo. Questo è il Premio Sacharov. E Andrei Sakharov era probabilmente una delle persone più non-pragmatiche del pianeta.

Non capisco perché coloro che sostengono relazioni pragmatiche con i dittatori non possono semplicemente aprire alcuni libri di storia. Sarebbe un atto molto pragmatico e, una volta fatto questo, è molto facile capire l’ineludibile legge politica: la pacificazione con dittatori e tiranni non funziona mai.

Non importa quante persone cercano di ingannare loro stesse, sperando che un altro pazzo che si aggrappa al potere si comporti decentemente in risposta a concessioni e flirt,. L’essenza stessa del potere autoritario comporta un aumento costante delle scommesse, un aumento dell’aggressività e la ricerca di nuovi nemici.

E quelli che una volta dicevano: «Non contrastiamo Lukashenko e continuiamo il dialogo» quando picchiava le persone e le gettava in prigione, hanno ottenuto solo che ora, per condannare qualcuno, Lukashenko deve rapirle insieme a un intero aereo passeggeri.

Un’altra cosa che i pragmatici non vogliono fare, per qualche motivo, che li spinge a ricordare spese e perdite economiche, è semplicemente prendere la calcolatrice e vedere quanto costa il loro pragmatismo, in particolare, ai contribuenti europei.

Anni di flirt con Putin gli hanno fatto capire che per aumentare la portata dei suoi ascolti, potrebbe anche iniziare una guerra.

Quanto costerà all’Europa la guerra con l’Ucraina? Anche adesso, con così tante notizie sulle truppe russe al confine con l’Ucraina, nessuno reagisce davvero. Nessuna cooperazione commerciale pragmatica recupererà la quota dei costi che dovrà essere sostenuta. Per non parlare del costo del tempo che i politici occidentali hanno già dovuto spendere per risolvere questo problema invece di occuparsi degli affari dei propri Paesi

Uno dei leader dell’opposizione – Boris Nemtsov – viene ucciso con colpi di arma da fuoco alla schiena proprio dal Cremlino. E poi arriva il pragmatico che alza le spalle e dice: beh, non puoi fare niente. Limitiamoci a a dire qualcosa di forte, e poi continuiamo il dialogo.

E poi uccidono il secondo e il terzo. E il quarto viene ucciso nel centro di Berlino. E il quinto – nel Regno Unito. E poi fanno saltare in aria anche alcuni magazzini in Europa. E poi iniziano a uccidere con armi chimiche. E quello che sappiamo sono solo tentativi di omicidio senza successo.

Quanti hanno avuto successo? Sappiamo già che un vero gruppo terroristico è stato creato all’interno dei servizi speciali di Putin. Uccidere cittadini del mio paese senza udienza o processo. Senza giustizia. Stavano per uccidere mia madre, hanno quasi ucciso mio padre, e nessuno garantirà che domani i politici europei non cominceranno a morire toccando la maniglia di una porta.

E ora state già aumentando il budget della polizia. Date un sacco di soldi ai servizi speciali. Spendete miliardi in nuovi modi per rilevare le sostanze tossiche. E queste sono tutte conseguenze del pragmatismo.

“Non proseguire, dobbiamo agire con attenzione per non farli arrabbiare” – dice il pragmatico. E domani, dittatori ispirati alle mezze misure dell’Occidente trasporteranno migliaia di persone al confine dell’Unione europea, costringendo donne e bambini a prendere d’assalto le recinzioni, sognando segretamente che qualcuno venga colpito o calpestato tra la folla.

Lascia che i pragmatici rispondano a quanto costerà alla Polonia, alla Lituania o all’intera Unione europea.

Poi mi risponderanno: cosa vuoi? Questi sono Paesi sovrani con i propri governi. Le nostre capacità sono limitate. Oppure proponete una guerra nucleare per liberare i prigionieri politici?

Ovviamente non propongo di iniziare una guerra. Tuttavia, noterò che sebbene non abbia successo, un conflitto è iniziato, e ci sono vere vittime. E usano armi sia cibernetiche sia chimiche. Il fatto che le banche europee riciclino liberamente i miliardi corrotti di Putin e dei suoi amici, gli yacht degli oligarchi di Putin continuino a fare scalpore nel Mediterraneo europeo, o che il 99% degli alti funzionari di Russia e Bielorussia direttamente coinvolti in crimini possano ancora viaggiare liberamente in Europa, proprio come le loro famiglie, tutto questo è segno sicuro che molti di coloro che prendono decisioni non cercano nemmeno di vincere nemmeno una piccola battaglia in questa guerra. Parlano troppo e pensano al regno della politica, considerando azioni basate su idee e principi ingenui e stupidi.

E sapete cosa? Mi sembra che il problema sia che il desiderio di placare il dittatore, ancora e ancora, di non farlo arrabbiare, di ignorare i suoi crimini finché è possibile, non sia affatto un approccio pragmatico. È ora di dirlo chiaramente. Sotto il segno del pragmatismo, ci sono il cinismo, l’ipocrisia e la corruzione.

C’è una guerra continua tra idealismo e pragmatismo. Queste sono battaglie feroci nella politica europea. Ma anche scegliere la parte del pragmatismo non dovrebbe significare tradire le proprie idee.

Quando ho scritto a mio padre e gli ho chiesto: cosa vorresti che dicessi esattamente davanti al Parlamento europeo. Ha risposto: Dici che nessuno può osare di equiparare la Russia al regime di Putin. La Russia è una parte dell’Europa e ci sforziamo di diventarne parte. Ma vogliamo anche che l’Europa si impegni per se stessa. A quei fantastici presidi, che sono al suo interno. Ci impegniamo per l’Europa delle idee, la celebrazione dei diritti umani, la democrazia e l’integrità. E non vogliamo l’Europa dei cancellieri e dei ministri, che sognano di ottenere un posto nel consiglio di amministrazione delle aziende statali di Putin o di navigare sullo yacht di un oligarca.

Oggi, su questo palco, ricevendo questo alto riconoscimento per mio padre, vi ringrazio e attraverso tutti voi do il benvenuto all’Europa delle idee e dei principi. L’Unione europea – è un incredibile miracolo creato dalle nazioni, la cui intera storia è una guerra senza fine tra loro. Nonostante tutte le difficoltà ei problemi, però, che l’UE ha e dovrà incontrare, io credo nel suo futuro e credo che un giorno il mio Paese ne entrerà a far parte.

E per concludere questo discorso, voglio citare il mio grande connazionale, in onore del quale è stato intitolato questo premio: «Il mio destino è stato in un certo senso eccezionale. Non per falsa modestia, ma per il desiderio di essere precisi, noto che il mio destino si è rivelato più grande della mia personalità. Ho semplicemente cercato di essere all’altezza del mio destino».

Spero che tutti noi abbiamo la forza per essere all’altezza dei nostri destini.

Libertà per Alexey Navalny!