Andiamo a teatroQuesta settimana al Parenti c’è davvero di tutto

Spettacoli, presentazioni di libri, lectio e soprattutto il festival “I Boreali” di Iperborea, per tre giorni di incontri, proiezioni e discussioni a tema nordico

Dal 26 aprile al 7 maggio | Sala AcomeA
UNA VITA CHE STO QUI
26/04 ore 20:30 – 27/04 ore 19:15 – 28/04 ore 20:30 – 29/04 ore 19:15 – 30/04 ore 19:15 – 01/05 ore 16:45
Durata: 1 ora

Lorenteggio. Uno dei comprensori di case popolari tra i più degradati di Milano sarà sottoposto a ristrutturazione e i residenti temporaneamente spostati altrove. Nonostante la prospettiva positiva, gli inquilini anziani fanno resistenza; tra loro, Adriana, vecchia milanese comicamente scorbutica.
Nel suo fatiscente appartamento, attorniata da scatoloni, la donna affronta la sfida rievocando la propria storia e quella di una Milano che non esiste più. Intorno a lei ruota l’oggi: immigrazione, abusivismo, case che cadono a pezzi e scocciatori alla porta.

di Roberta Skerl
con Ivana Monti
regia Giampiero Rappa
scene Laura Benzi
luci Marco Laudando
assistente alla regia Maria Federica Bianchi e Beatrice Cazzaro
montaggio audio Alberto Basaluzzo
macchinista Paolo Roda
elettricista Nicola Voso
sarta Simona Dondoni
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti
produzione Teatro Franco Parenti

 

27 aprile | Sala Café Rouge
INCONTRO CON FRANCO ARMINIO
Studi sull’amore
ore 18:30

Con la sua lingua asciutta e lirica, sacrale e domestica, in cui c’è sempre uno scarto, uno slittamento inatteso, una sottile sensualità, Franco Arminio fotografa il corpo spaventato dalla morte e infiammato dall’amore.
Non soltanto l’amore carnale, ma quello che ci conferma di esistere: l’amore per un figlio e quello per un angolo di paese, l’amore per una strada e quello per la madre, l’amore per un amico e per chi ci è ancora sconosciuto, al punto da scavare in noi il languore del desiderio.
Nei suoi versi l’incontro erotico, sentimentale, è sempre un viatico verso Dio, raggira la morte e la corteggia, è miracolo ed epifania. Arminio dedica poesie e prose commoventi anche agli amori – vissuti o mancati – di altri scrittori e poeti, da Kafka a Pasolini, da Susan Sontag ad Amelia Rosselli, trovando una voce nuova per indagare il coraggio di essere fragili che ognuno di noi ha sentito innamorandosi, «il mistero di raggiungere | nello stesso tempo il corpo di un altro | e il nostro».

In occasione della pubblicazione del suo libro
Studi sull’amore (Einaudi)
Franco Arminio incontra i suoi lettori

 

28 aprile | Sala AcomeA
LECTIO DI LUCA NANNIPIERI
Tiziano, l’amore, la donna, il Rinascimento
ore 18:00

Dal Rinascimento a Klimt, da Munch a Leopardi, Nannipieri ci accomapgna in un percorso tra arte e letteratura, focalizzando la sua lectio sui misteri appassionanti che si celano dietro l’enigmatico e potente capolavoro di Tiziano, La Venere di Urbino.
Lei è Cecilia Soldani, la moglie dell’artista. È incinta del terzo figlio e la gravidanza complicata la pone di fronte a un dilemma: la sua vita o quella del bambino. Cecilia vorrebbe vivere e continuare ad amare il pittore, ma sceglie di morire dando al mondo la creatura che il marito vuole a tutti i costi. Alla nascita della piccola Lavinia, Tiziano, che fino ad allora ha seguito solo gloria e denaro, è travolto dall’improvvisa coscienza di un sentimento immenso e unico, scoperto solo con la morte della moglie. Inizia, così, a cercare Cecilia nei suoi quadri, dipingendola con tutto l’amore che negli anni non è riuscito a darle. La Venere – realizzata nel 1538 e oggi conservata agli Uffizi – è ancora, per chiunque la osservi, la scintilla palpitante di quel dolore e di quell’amore.

In occasione dell’uscita del volume
Il destino di un amore. Tiziano Vecellio e Cecilia (Skira),
e in contemporanea con la mostra Tiziano e l’immagine della donna
promossa da Skira editore, in collaborazione con il Kunst Historisches Museum di Vienna
a Palazzo Reale di Milano fino al 5 giugno 2022

 

28 aprile | Sala Grande
INCONTRO CON ALAN FRIEDMAN
Il prezzo del futuro
ore 18:30

Qual è il futuro dell’economia italiana? Quanto sarà profondo il danno che la guerra in Ucraina apporterà alla ripresa, e quale sarà l’impatto dell’emergenza energetica sulla transizione ecologica? Le riforme di Draghi basteranno per modernizzare il paese in cinque anni? E quali sono i rischi per l’economia dopo le elezioni del 2023?
Ecco alcuni dei quesiti a cui risponde Alan Friedman nel ritratto vivido e profondo di un paese al bivio, una nazione travolta prima dalla pandemia e poi da una situazione geopolitica radicalmente mutata. L’Italia ha le abilità e i mezzi per riemergere più forte dopo anni di crisi, ora deve dimostrare di volerlo davvero. Il prezzo del futuro è una guida per evitare i pericoli e le trappole di un percorso accidentato e imboccare la strada giusta, ma anche per riflettere sul passato e cercare di non ripetere gli stessi errori.
Alan Friedman affronta i temi cruciali dell’attualità, tastando il polso dell’economia italiana e interrogando la politica, con un occhio sempre attento ai mutamenti della società. Porta il lettore faccia a faccia con quattro ex premier, otto ministri del governo Draghi e svariate figure chiave del mondo della finanza italiana e internazionale, senza aver paura di allargare il raggio della sua indagine a Bruxelles e a Washington, con interviste ai funzionari di massimo grado della Commissione europea e dell’amministrazione Biden. Ne scaturisce un racconto vibrante e reale, che rivela sotto una luce inaspettata non solo i processi decisionali che modellano la vita quotidiana della popolazione, ma anche le persone, gli uomini e le donne, che queste scelte le fanno ogni giorno.

In occasione della pubblicazione del suo nuovo libro
Il prezzo del futuro. Perché l’Italia rischia di sprecare l’occasione del secolo (La nave di Teseo)
Alan Friedman dialoga con Andrea Bignami, Ferruccio De Bortoli, Marco Tronchetti Provera e Lia Quartapelle
introduce Andrée Ruth Shammah

 

29 aprile – 1 maggio | Teatro Franco Parenti e Cinemino di via Seneca 6
I BOREALI
Nordic Festival 2022

venerdì 29 Aprile

lit
18.30 café rouge | ingresso gratuito, posti limitati con prenotazione a ufficio.stampa@iperborea.com

INAUGURAZIONE + COCKTAIL
L’olandese irrequieto: Mathijs Deen, tra antiche strade, fari galleggianti e rotte fluviali
Mathijs Deen e Matteo Caccia si incontrano per la prima volta dal vivo per parlare insieme di libri e di viaggi dove non è la meta a contare, ma lo spazio intermedio tra la partenza e l’arrivo. A seguire cocktail nel foyer in collaborazione con l’Ambasciata e il Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia.

film
21.00 al Cinemino | 5€ + tessera associativa
(biglietto e tessera da acquistare QUI)
Scompartimento n.6
regia Juho Kuosmanen
(Finlandia, Estonia, Germania, Russia, 2021)
107′, v.o. finlandese con sott. ita

sabato 30 Aprile

kids  dai 3 anni
11.00 sala appartamento | 5€  bambino, adulto accompagnatore gratuito
Bimbo Birbone combinaguai
lettura animata e laboratorio
a cura di Martina Folena
Leggiamo insieme questo spassoso classico tutto in rima, per poi realizzare un biglietto pieno di amore per le nostre «mamme birbone», giusto in tempo per la loro festa.

kids dai 6 anni
11.00 sala treno blu | 5€  bambino, adulto accompagnatore gratuito
Vita da Ulf: avventure in bicicletta
lettura animata e laboratorio creativo
su Il bambino portentoso di Ulf Stark
a cura del Collettivo LAN-DE-Sì, con Tomàs Acosta e Irene Gandolfi
Dopo aver letto le avventure di Ulf, giocheremo a costruire un piccolo oggetto che può rivelarsi molto utile quando si perde la strada.

lab
12.00 café rouge | 3,50€
Dalle fonti storico-mitologiche alla cultura pop: i casi di Vikings e Ragnarök
in collaborazione con l’Istituto Culturale Nordico di Milano.
Luisella Sari e Anna Brännström ci accompagnano alla scoperta di alcuni aspetti peculiari dello scambio, sempre più frequente, tra il mondo dell’intrattenimento e quello della cultura accademica attraverso l’esempio di due produzioni di grande successo: Vikings e Ragnarök.

food
12.30 – 14.30 foyer basso | 25€ adulto, 12€ bambino (max 12 anni)
Nordic brunch a cura di GUD
leggi QUI il menu
prenotazioni prenotazioni@gudmilano.com 3440101739

lit
14.00 café rouge | 3,50€
Reading al buio: alla scoperta di Selma Lagerlöf
letture di Emilia Lodigiani e Elisabetta Corradin dal romanzo Bandito, modera Laura Pezzino
in collaborazione con Fondazione LIA – Libri Italiani Accessibili
Un’esperienza altamente partecipativa che accende i sensi e la fantasia: attraverso l’assenza di luce viene annullata qualsiasi distinzione tra chi legge con gli occhi, chi con le mani, chi con le orecchie.

lit
15.15 café rouge | 3,50€
Confessarsi e mentire: Vigdis Hjorth e la via norvegese all’autofiction
Vigdis Hjorth, per la prima volta in Italia, presenta Lontananza in dialogo con Natascha Lusenti
in collaborazione con Fazi Editore
Dopo Eredità, il libro che l’ha resa celebre a livello internazionale, definito dal New Yorker la più grande storia letteraria scandinava degli ultimi vent’anni, la norvegese Vigdis Hjorth torna a esplorare il genere dell’autofiction con un romanzo dedicato al rapporto tra una madre e una figlia che non riescono a comunicare, il racconto di una famiglia in cui le bugie, i silenzi e i segreti si sciolgono lentamente sotto il flebile sole norvegese dopo decenni di gelo.

talk
16.30 café rouge | 3,50€
Questioni di genere: cosa possiamo imparare dal Nord Europa?
in collaborazione con Il Post
intervengono Ludovica Lugli, giornalista del Post e curatrice del numero, Jenny Jägerfeld, autrice svedese del libro per ragazzi La mia vita dorata da re e psicologa specializzata in bambini e ragazzi, e Siri Nergaard, linguista norvegese, modera il giornalista Paolo Armelli

lit
18.00 café rouge | 3,50€
Cosa ci rende umani? Dalle sponde della Mosa agli ominidi dell’isola di Flores con Frank Westerman
l’autore dialoga con l’antropologo Andrea Staid
Noi, umani di Frank Westerman è un viaggio nella storia, un’indagine per capire che cosa ci rende umani, un reportage al confine tra letteratura di viaggio e gonzo journalism.

talk
19.15 café rouge | 3,50€
La luce in fondo. Note sull’immaginario televisivo scandinavo
Sarah Rezakhan e Fabio Guarnaccia ripercorrono attraverso trailer e promo alcune caratteristiche della tv iperborea
in collaborazione con LINK. Idee per la tv.

film
21.00 al Cinemino| 5€ + tessera associativa
(biglietto e tessera da acquistare online QUI)
Lamb
regia Valdimar Jóhannsson
(Islanda, Svezia, Polonia, 2021)
106′, v.o. islandese con sott. ita
in collaborazione con Wanted Cinema

domenica 1 Maggio

kids dai 3 anni
11.00 sala appartamento | 5€ bambino, accompagnatore adulto gratuito
Un’amicizia grande grande per un signore piccolo piccolo
lettura animata e laboratorio creativo
su Storia di un signore piccolo piccolo di Barbro Lindgren a cura di Martina Folena

kids dagli 8 anni
11.00 sala treno blu | 5€ bambino, accompagnatore adulto gratuito
Quando uno scarabeo sbatte le ali nello Småland…
lettura animata
su Lo scarabeo vola al tramonto di Maria Gripe
a cura del Collettivo LAN-DE-Sì, con Tomàs Acosta e Irene Gandolfi

food
12.30 – 14.30 foyer | 25€ adulto, 12€ bambino (max 12 anni)
Nordic brunch a cura di GUD
leggi QUI il menu
prenotazioni prenotazioni@gudmilano.com 3440101739

lit
15.15 café rouge | 3,50€
Vivere (e scrivere) senza radici: la ricerca letteraria e personale di Björn Larsson
l’autore racconta il suo ultimo libro Nel nome del figlio in dialogo con Valerio Millefoglie
Perché non ha mai pianto per la morte di suo padre, scomparso nel 1961 in una tragica circostanza? Perché ai personaggi delle sue storie non ha mai dato una famiglia, dei parenti, un passato? Perché ha sempre vissuto da orfano, senza radici e senza desiderarne? E chi era veramente quel giovane uomo morto a soli 29 anni.

lit
16.30 café rouge | 3,50€
L’aria intorno a noi di Tom Malmquist: quando un cold case diventa letteratura
Tom Malmquist dialoga con Piero Colaprico di L’aria intorno a noi
in collaborazione con NN Editore
È il 2010 quando il poeta e romanziere Tom Malmquist legge su un vecchio quotidiano la notizia della morte di Mikael K., un uomo di trent’anni trovato senza vita in una grotta alle porte di Stoccolma. Il fatto risale al 1991 e il caso rimane irrisolto e viene archiviato. Dopo quasi vent’anni, lo scrittore si mette sulle tracce del delitto e affronta una discesa nella parte più oscura della società svedese, scoprendo sempre più inquietanti analogie che lo legano alla vittima.

live
18.00 café rouge | 3,50€
Northern chaos gods. Storia del black metal norvegese
ideato da Federico Bernocchi
Dalle fredde e glaciali foreste della Norvegia, verso la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta, come un lupo assetato di sangue, spunta una musica rivoluzionaria quanto estrema: il Black Metal. Tra dischi, concerti, suicidi, chiese bruciate, processi ed efferati omicidi, racconteremo la storia di una musica violenta, pericolosa e malvagia… e dei suoi cattivissimi protagonisti: il cosiddetto black circle.

live
19.15 foyer | 5€
Il nostro bisogno di Stig. Omaggio a Stig Dagerman, per musica e parole
ideato da Giorgio Fontana e Matteo Pirola
Giorgio Fontana legge Il nostro bisogno di consolazione di Stig Dagerman, in dialogo con la musica originale di Matteo Pirola, composta per dare ancora più risalto e forza drammatica alle parole di Dagerman.

live
21.00 foyer | 8€
Ocean Letters, live
CONCERTO-SPETTACOLO di Hannah Schneider e Siri Ranva Hjelm
in collaborazione con I Distratti
La musicista Hannah Schneider e la scrittrice Siri Ranva Hjelm Jacobsen si esibisco  in un grande evento nel quale le letture dell’autrice danese si mescolano ai brani elettro-pop tratti dall’album Ocean Letters, eseguito in anteprima da Hannah Schneider e ispirato appunto al libro Lettere tra due mari di Siri Ranva Hjelm Jacobsen.

Dal 29 Aprile all’1 Maggio al Teatro Franco Parenti torna i Boreali, il festival dedicato alla cultura nordeuropea organizzato e ideato da Iperborea. Al Cinemino due proiezioni.