A teatro, anche d’estateGli appuntamenti della settimana al Parenti

Campus, spettacoli, presentazioni e dialoghi sul futuro della città. Sette giorni ricchi di iniziative e idee

da Teatro Parenti

Da lunedì 13 a venerdì 17 | Ai Bagni Misteriosi
CAMPUS ESTIVI
settimanali e giornalieri dai 6 ai 10 anni
dalle 9 alle 16

Teatro, giochi d’acqua, scenografia, movimento, circo, acquagym. La giornata prevede un momento di accoglienza e due laboratori al giorno (uno al mattino ed uno al pomeriggio) condotti dagli specialisti delle diverse discipline, una pausa merenda ed il pranzo seguito da un po’ di relax. I bambini avranno un kids corner dedicato nella palazzina dei Bagni Misteriosi.

PRANZO E MERENDA
I pranzi saranno forniti da GŪD Bagni Misteriosi che offre qualità e freschezza dei prodotti.

FOCUS SOSTENIBILITÀ
Ogni settimana un focus differente sulla sostenibilità farà da filo conduttore di tutte le attività: la vita sott’acqua, la vita sulla terra, città e comunità sostenibili e molto altro.

Programma

LUNEDÌ
h 10.00-12.00
Giochi in acqua, nella piscina dei Bagni Misteriosi
h 14.00-16.00
Laboratorio di circo

***
MARTEDÌ
h 10.00-12.00
Olimpiadi in acqua, nella piscina dei Bagni Misteriosi
h 14.00-16.00
Laboratorio teatrale: recitazione e scrittura

***
MERCOLEDÌ
h 10.00-12.00
Laboratorio Art&Craft: scenografia e oggetti di scena
h 14.00-16.00
Laboratorio Art&Craft: scenografia e oggetti di scena

***
GIOVEDÌ
h 10.00-12.00
Giochi in acqua, nella piscina dei Bagni Misteriosi
h 14.00-16.00
Laboratorio teatrale: voce e ritmo

***
VENERDÌ
h 10.00-12.00
Acquagym, nella piscina dei Bagni Misteriosi
h 14.00-16.00
Laboratorio teatrale: movimento espressivo

Teatro Franco Parenti e Kikolle Lab
II edizione di Campus esitvi settimanali/giornalieri
ai Bagni Misteriosi
a cura di Associazione Pier Lombardo

 

14 giugno | Sala AcomeA
VOCI DALLA LOMBARDIA
La Milanesiana
ore 18:00

Un dialogo sullo stato dell’arte e della cultura a Milano e in Lombardia, sulle sue radici e sulle idee che ne guideranno il futuro.
Studiosi, storici, filosofi, uomini e donne di cultura per raccontare la plurità della Regione Lombardia, a partire dal volume Lombardia plurale, a cura di Stefano Bruno Galli, edito da Regione Lombardia.

dialogo
Stefano Bruno Galli,
Giordano Bruno Guerri,
Lorenzo Ornaghi,
Pier Luigi Vercesi,
Ada Gigli Marchetti,
Stefano Zecchi

interviene
Andrée Ruth Shammah

introduce
Elisabetta Sgarbi

In occasione della 23esima edizione de La Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi

 

dal 15 giugno al 2 luglio | Sala Grande
R.A.M.
15/06 ore 19:45 – 16/06 ore 21:00 – 17/06 ore 19:45 – 18/06 ore 20:00 – 19/06 ore 18:30 – 21/06 ore 20:00

Si può cancellare la memoria, estirparla come si fa con un arto malato?
Edoardo Erba, drammaturgo tra i più noti e affermati in Italia e il giovane regista Michele Mangini, nel tentativo di rispondere a questa domanda, ci trasportano in un futuro distopico.
Siamo nel 2120 e l’umanità è divisa in due classi. Da una parte c’è la moltitudine che vive ammassata nelle poche aree abitabili di un pianeta ormai desertificato. Dall’altra i membri della classe agiata, gli Aumentati, con DNA ottimizzato, fisico perfetto, cervello superperformante, che perseguono un ideale di bellezza e di bontà esclusivamente riservato alla loro casta ma, difettando di esperienze vive, ricorrono al trapianto di memorie altrui.
Per denaro e per sottrarsi ai ricordi di un passato doloroso, Cruz ha deciso di privarsi della sua memoria. I suoi ricordi svaniscono, ma quella sensazione di vuoto, rabbia, solitudine, può scomparire?

Nei panni della protagonista torna sul palco del Parenti, Marina Rocco, già attrice in teatro negli spettacoli di Filippo Timi, Amleto2, La sirenetta e Don Giovanni, e di Andrée Shammah che l’ha voluta protagonista di Casa di bambola con Timi e Ondine e Gli innamorati. E al cinema, per citarne solo alcuni, in Sanguepazzo di Marco Tullio Giordana, La giusta distanza di Carlo Mazzacurati, Nessuno si salva da solo di Sergio Castellitto, Notti magiche di Virzì.

Il testo di R.A.M. è di Edoardo Erba considerato tra i talenti italiani più brillanti. Nelle sue trame si intrecciano tutte le sfumature, dal giallo alla vena comica della commedia. La regia è di Michele Mangini, giovane regista esordiente nel teatro di prosa, il suo film Onora il Padre e la Madre ha ricevuto le nomination come Best Short Movie e Best Direction al Napoli Film Festival e al Social World Film Festival, nel 2018 cura la regia dell’opera lirica Il Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini, per la stagione 2018 del Teatro Verdi di Salerno.

di Edoardo Erba
regia Michele Mangini
con Marina Rocco, Gabriella Franchini, Alberto Onofrietti, Giovanni Battista Storti e Irene Vetere
e in video Angelo Curti, Adriano Falivene e Marco Montecatino
scene e costumi Michele Iodice
luci Pasquale Mari
video Alessandro Papa
assistente alla regia Luca De Lorenzo
assistente scene e costumi Giorgia Lauro
produzione Teatro Franco Parenti / Goldenart

 

16 giugno | Ai Bagni Misteriosi
ENRICO RAVA E FRANCESCO GRILLO
Concerto in duo
ore 21:15

Un concerto inedito, un viaggio tra musiche del cinema italiano d’autore, composizioni originali di Rava, standards jazz e sonorità brasiliane.
Enrico Rava è sicuramente il jazzista italiano più conosciuto ed apprezzato a livello internazionale, fra i più convincenti solisti del jazz europeo. La sua schiettezza umana ed artistica ne fa un musicista rigoroso ma incurante delle convenzioni. Francesco Grillo, pianista e compositore si muove in diversi generi musicali, dalla classica al jazz, alla musica brasiliana.
I due artisti condividono amicizia, passione per la musica e stima reciproca da molti anni, Rava è stato anche ospite dell’album Otto (2012) di Grillo, interpretando il celebre My Funny Valentine.
Enrico Rava tromba
Francesco Grillo pianoforte
produzione NAM Music Agency

16 giugno | Sala Grande
LEZIONE DI GIULIO BUSI
Uno, la fiamma che brucia le apparenze
ore 18:30

Quanta saggezza può contenere una vita? La grande età dovrebbe rappresentare la stagione più saggia e matura dell’esistenza. Perché ciò avvenga, dobbiamo però trasformare ogni incontro in fonte di conoscenza. Dobbiamo cioè trasformare il molteplice in unità. In parecchie tradizioni religiose, l’Uno definisce il vero mistero dell’essere, la fiamma che brucia le apparenze e ci illumina. Come trovarlo, quest’Uno inafferrabile?

Lezione di Giulio Busi
introduce Andrée Ruth Shammah
letture Alberto Onofrietti

nell’ambito del ciclo d’incontri La grande età
a cura di Irene La Scala

 

dal 17 al 19 giugno | Sala AcomeA
BLACK BOX. DIECI DANNI RILEVATI
La Compagnia dei Giovani
17/06 ore 21:30 – 18/06 ore 18:30 – 18/06 ore 21:30 – 19/06 ore 18:30 – 19/06 ore 21:30

Black Box – dieci danni rilevati è il primo spettacolo del progetto La Compagnia dei Giovani, il laboratorio permanente di recitazione e scrittura per ragazzi dai 16 ai 26 anni del Teatro Franco Parenti in collaborazione con Dogma Theatre Company.
I venti ragazzi della classe di recitazione incontrano per la prima volta il pubblico per raccontare dieci frammenti di vita contemporanea. Il loro lavoro ci restituisce un mondo fatto di contraddizioni, desideri, passioni e paure della loro età, così come i loro dieci compagni della classe di scrittura lo hanno percepito, esplorato, indagato e infine ricostruito in forma drammaturgica, facendo uso di un’ampia varietà di stili, codici, linguaggi e immaginari.
Viene condiviso col pubblico il contenuto di un’ipotetica e assoluta scatola nera, dispositivo preposto a registrare urti e incidenti che in questo caso sono urti dell’umanità, incidenti dell’anima, storie di violenza intima o politica, quotidiana o straordinaria, segreta o manifesta, fisica o psicologica, storie che, affondando i denti nel nero e nel male, non possono fare a meno di fare uscire del male il suo opposto e della violenza, in qualche modo, l’antidoto: l’empatia.

La Compagnia dei Giovani
un progetto di formazione di Teatro Franco Parenti
a cura di Associazione Pier Lombardo e Dogma Theatre Company
regia Gabriele Colferai
classe di recitazione:
Alvise Colledan, Erika Maria Cordisco, Sara Florez Brinez, Mafalda Franzoni, Filippo Geri, Simone Laviola, Federico Longoni, Angelica Mazzei, Giovanna Giuditta Mazza, Gabriele Mucciolo, Irina Muresian, Giacomo Petrillo, Desislava Petrova, Filippo Pizzocri, Mohamed Sayedein, Annalisa Scopinich, Beatrice Veneziano, Sofia Verde Verani, Beatrice Vergerio
classe di scrittura:
Benedetta Drago, Lorenzo Cattel, Thomas Marcheselli Baldelli, Martina Lauretta, Silvia Miceli, Marta Parravicini, Camilla Pelosi, Giada Prestinari, Marco Rittore, Michela Tosiscene e costumi
a cura agli allievi del Triennio in Scenografia, NABA, Nuova Accademia di Belle Arti: Jacopo Collini, Chiara Guarino, Elena Ingletti, Sabrina Saporiti, Laura Zanchetta
supervisione alla classe di scrittura: Tobia Rossi
si ringraziano gli insegnanti che hanno collaborato al progetto: Giulia Lombezzi, Angelo Curci, Angelo Di Figlia, Roberto Marraffa, Claudia Mangini