BalordagginiL’ipocrisia italiana di pretendere che l’Ucraina sia anche campione di moralità

Una parte del giornalismo di casa nostra è convinta che Kiev deve dimostrare di meritare il nostro aiuto. L’invasione di Putin non basta come motivazione, serve il tagliando concesso dai talk show populisti

Unsplash

Abbiamo già discusso, proprio qui, del pregiudizio balordo secondo cui gli aiuti dovrebbero essere misurati sul merito del popolo che, aggredito, li richiede e li riceve.

È dal primo giorno dell’operazione speciale, dalla prima strage di civili, dal primo stupro, dal primo rastrellamento, dalla prima deportazione, e cioè da subito, perché l’iniziativa di denazificazione si è sviluppata immediatamente lungo quel corso di delizie, per quanto qui da noi qualche buontempone si esercitasse a spiegare che «Putin sta puntando sui propri obiettivi, e nel frattempo cerca di non spaventare la popolazione».

È insomma dall’inizio che quella balordaggine pretende di accreditarsi, e suona pressappoco così: ma vogliono mettersi in testa sì o no, questi ucraini, che noi, siccome gli diamo le armi, abbiamo il diritto di fargli l’audit morale a La7 e Raitre?

Dice: ok, vi mandiamo i fucili, visto che purtroppo non c’è Giuseppe Conte a impedire lo scempio e disgraziatamente l’Italia è in mano al vile affarista, ma voi dimostrate di aver capito che le carte tutte in regola mica ce le avete, a cominciare dalla villa del vostro presidente e dall’intollerabile negazionismo con cui tentate di coprire le verità sotto gli occhi di tutti, vale a dire che a Mariupol c’erano tante case abusive e a Bucha il traffico era insopportabile.

E poi, siccome queste sanzioni ci pregiudicano, e qui c’è finalmente concordia tra il pacifista comunista sindacalista collaborazionista, da una parte, e Capitan Nutella, dall’altra, sul fatto che prima vengono gli italiani, voi ucraini ce lo volete dire quando avete intenzione di far finire questa guerra?

Perché facciamo a capirci: a noi questa guera ce sta a rovinà, e a questo punto ci vuole un segno da parte vostra, dovete venirci in aiuto, voi a noi, belli nostri, perché altrimenti vuol dire che voi e i russi pari siete e anzi almeno quelli ci davano il gas economico invece che quello usuraio che vogliono rifilarci i vostri amici americani.

Insomma, come dice la meglio rappresentanza del nostro giornalismo democratico, «abbiamo il diritto di sapere che cosa gli ucraini pensano di questo conflitto», e in primo luogo se pensano che la guerra è colpa della Nato, che la guerra è colpa di Joe Biden, che la guerra è colpa di Boris Johnson, che la guerra è colpa di Mario Draghi, che il loro presidente è ebreo come Hitler e che nelle televisioni ucraine non si dà voce all’Anpi e all’Associazione nazionale magistrati. Vogliono il nostro aiuto? Devono esserne degni.