Inside LubianaCome gli investimenti europei possono dare nuovo slancio alle aree montane in Slovenia

Nella tranche 2021-2027 dei fondi di coesione Ue ci sono molte opportunità per migliorare i servizi pubblici e la qualità della vita delle comunità locali, che vivono in ambienti sempre più a rischio a causa dell’emergenza climatica

Lago di Bled, Slovenia / Immagine tratta da Unsplash

Articolo originariamente pubblicato su Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa

Il territorio sloveno è dominato per il 72% dalle montagne, destinazione turistica cruciale per il Paese con quasi 1,5 milioni di visitatori all’anno. A livello europeo, le aree montane rappresentano il 28,8% del territorio e ospitano circa il 16,9% dell’intera popolazione.

Popolari come destinazioni turistiche, le aree montane sono soggette a rischi per i loro ecosistemi e la biodiversità, ora ancora più accentuati come conseguenza del cambiamento climatico. Inoltre non è facile vivervi. I principali problemi, a livello europeo, riguardano l’assenza o l’inadeguatezza delle infrastrutture, le scarse opportunità di lavoro, fuga di cervelli e progressivo invecchiamento della popolazione con un invecchiamento della popolazione che mina lo sviluppo.

Nonostante gli evidenti svantaggi strutturali, un recente studio condotto da Euromontana ha dimostrato che le giovani generazioni (66% degli intervistati) sono interessate a stabilirsi o restare nelle aree montane, a condizione che si presti maggiore attenzione agli investimenti e allo sviluppo di adeguate politiche territoriali.

Sebbene a livello europeo non esista una politica dedicata alle regioni montane, né il Green Deal europeo menzioni la loro presenza e il loro ruolo in una prospettiva di protezione ambientale, una valida alternativa per investire nelle montagne di domani rimane la politica di coesione e i relativi fondi che affrontano le disparità sociali, economiche e territoriali a livello regionale.

Per il periodo 2021-2027, la politica di coesione europea si concentra sulla competitività economica sostenibile e saranno distribuiti tra gli Stati membri circa 392 miliardi di euro, sulla base del Pil pro capite delle loro regioni. Nel caso della Slovenia il totale dei fondi di coesione ammonterà a 3,54 miliardi di euro. Come illustrato nella serie di schede preparate dal progetto Montana174 in Slovenia i fondi saranno incanalati attraverso quattro programmi (FSE+, FESR, Fondo di coesione e JTF), di cui circa 1,5 miliardi di euro rientrano nel Fondo di sviluppo regionale che affronta le disparità esistenti tra le regioni Ue orientali e occidentali.

Grazie a questa consistente opportunità finanziaria la Slovenia può, almeno in parte, affrontare le sfide che da tempo caratterizzano le sue aree montane a bassa densità di popolazione: carenza di strutture e servizi pubblici, carenza di infrastrutture per la mobilità, poche opportunità di lavoro e istruzione. In una sua risoluzione sulle tendenze demografiche nelle regioni dell’Unione europea e sui fondi di coesione, il Parlamento europeo ha sottolineato che “la mancanza di diversificazione nella struttura economica di alcune regioni rischia di far emergere una “geografia del malcontento” proprio perché alcuni cittadini si sentono abbandonati.

Pertanto, occorre prestare particolare attenzione alle giovani generazioni di queste regioni, in modo da contrastare gli attuali fattori di disparità e promuovere la qualità della vita e una prospettiva economica positiva. Inoltre, ci si aspetta che questi ingenti investimenti contribuiscano ad aumentare l’attrattività dei territori, stimolando posti di lavoro qualificati, imprenditorialità rurale e giustizia sociale.

Tra i cinque obiettivi strategici della politica di coesione per il periodo finanziario 2021-2027, due sono cruciali per il futuro delle aree montane: “Un’Europa più verde” (obiettivo 2) e “Un’Europa più vicina ai cittadini” (obiettivo 5).

Sebbene il Pnr 2022 della Slovenia non menzioni specificamente la dicitura «zone montane», i fondi disponibili nell’ambito dell’obiettivo 2 consentono di contribuire alla costruzione di infrastrutture ambientali e alla conservazione della biodiversità nel paese, mentre quelli dell’obiettivo 5 si concentreranno sulla promozione della crescita economica nelle aree urbane e rurali e sulla riduzione delle attuali disparità.

Inoltre, in sinergia e complementarietà con gli investimenti previsti dai fondi di coesione, la Slovenia ha la possibilità di utilizzare parte delle risorse provenienti dallo Strumento di ripresa e resilienza dell’Unione europea e dalla Politica agricola comune a favore delle aree montane.

Tutti interventi che, per essere efficaci, hanno bisogno di una strategia integrata elaborata assieme alle comunità locali, andando oltre l’ambito ristretto del turismo montano. Nel Pnrr sloveno si afferma che il governo si impegna a spendere entro la fine del prossimo anno tutti i fondi di coesione ricevuti dal precedente quadro di bilancio (2014-2020), e nel frattempo a lavorare sulle attuali prospettive finanziarie (2021-2027).

Se si riesce ad avere una chiara visione territoriale – cosa non scontata – e in linea con le priorità dell’Unione sulle transizioni verdi e digitali, i fondi di coesione possono trasformarsi in un catalizzatore unico per il ripopolamento e il ringiovanimento delle aree montane della Slovenia come di altre aree montane d’Europa.