Opera primaGli antichi ricettari in esposizione al Garum a Roma

Dall’otto alll’undici dicembre, una mostra al Museo della Cucina propone al pubblico ricette originali dal 500 a oggi, assaggi di panettone e tiramisù e la presentazione delle ultime novità editoriali

Foto Courtesy Garum, Museo della Cucina

Ti sei mai chiesto quando nacque la prima ricetta del sugo al pomodoro o quella del pesto? E come erano preparate nella loro versione originale? Dall’otto alll’undici dicembre potrai scoprirlo a Roma al Garum, Biblioteca e Museo della Cucina che ospiterà nelle sue sale la prima mostra mai dedicata alla storia e all’evoluzione delle ricette che hanno reso celebre la cucina Italiana nel mondo.

Nelle sale del museo – nato di un’idea di Rossano Boscolo, collezionista, chef e fondatore dell’accademia di cucina Campus Les Etoile di Tuscania (Vt) e diretto da Matteo Ghirighini – sarà possibile seguire un percorso guidato che, attraverso le più importanti prime edizioni dei testi di cucina, racconterà ai visitatori come, quando e perché apparvero per la prima volta il sugo al pomodoro, il supplì, i malloreddus, i tortelli, la mortadella, la zuppa inglese, la pasta risottata, il vitello tonnato, il panettone e tanti altri piatti della nostra tradizione, in un lungo viaggio dal Rinascimento fino al Novecento.

Tra le opere esposte sarà possibile ammirare i Banchetti del Messisbugo (1552), l’Opera di Bartolomeo Scappi (1570), lo Scalco alla Moderna di Antonio Latini (1692), il Dello Scalco di Giovanni Battista Rossetti (1584), l’Economia del Cittadino in Villa di Vincenzo Tanara (1644), la prima rarissima edizione de La Scienza in Cucina di Pellegrino Artusi e numerose altre importanti prime edizioni che testimoniano la prima apparizione a stampa dei piatti più amati e iconici della tradizione italiana, tutti corredati da descrizioni ricche di notizie e curiosità sui personaggi, sugli ingredienti e sulle sperimentazioni che hanno posto le basi della nostra cucina contemporanea.

Accompagnati dallo staff, che sarà a disposizione per fornire spiegazioni di tutte le opere in esposizione, durante la mostra sarà possibile inoltre assaggiare il panettone nella versione datane da Giovanni Nelli nel 1868 ed il tiramisù nella più antica ricetta conosciuta scoperta al Garum in un diario del 1927 esposto anch’esso nella mostra.

Un appuntamento speciale caratterizzerà poi la giornata di venerdì 9 dicembre, quando saranno presentate al pubblico alcuni volumi di nuova edizione fra cui “Menu Risorgimento, l’Unità d’Italia in cucina” del Collettivo Cougnet, finalista della cinquina del Premio Selezione Bancarella della Cucina, edito da Linkiesta e la nuova rivista di cucina storica e tradizionale “Cucina di Charta”, edita da Novacharta editori.

Ingresso libero dalle 10 alle 15, a pagamento dalle 15 alle 19 (biglietto 10€, comprensivo di aperitivo composto dagli assaggi delle ricette storiche del panettone e del tiramisù).

 

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter