Sotto osservazioneLa sostenibilità di bilancio dell’Italia è a rischio, secondo la Commissione europea

Il parere definitivo di Bruxelles sulla manovra di bilancio è atteso a dicembre. A preoccupare è l’alto indebitamento pubblico

Foto: EU

C’è Italia tra i dieci Stati europei che secondo la commissione europea potrebbero essere esposti a «elevati rischi per la sostenibilità di bilancio» nel medio termine. Tra i fattori indicati dall’Alert mechanism report di Bruxelles, l’alto indebitamento del nostro Paese, accomunato – in questo – a Grecia, Spagna e Portogallo.

Roma torna sotto il monitoraggio dell’Ue per gli eccessivi squilibri macroeconomici. Significa che ora i conti italiani (e non solo) saranno oggetto di una revisione approfondita. Di fatto, messi sotto osservazione. Sono in tutto diciassette i Paesi sotto esame. A preoccupare sono il debito pubblico, che comunque è sceso nel corso del 2021, e il deficit.

«Non abbiamo adottato un’opinione sul documento programmatico di bilancio dell’Italia perché presentato dal governo uscente a politiche invariate. Ci aspettiamo di ricevere il piano completo dal nuovo governo a breve e forniremo la nostra opinione nelle prossime settimane» ha detto il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis, come riportato dall’Ansa.

A Strasburgo, il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni lo ha confermato: l’analisi del bilancio dell’Italia, approvato nelle ultime ore, sarà effettuata in settimana. Il parere della Commissione è atteso a dicembre.

Ogni anno Bruxelles dà una sua valutazione ai Ventisette. La “pagella”, pertanto, dà una sua valutazione anno su anno. Il 2023 sarà l’ultimo in cui sarà sospeso il patto di stabilità: i “bocciati” non andranno incontro a formali procedure di infrazione. In tal senso, la sua riforma ha dato prova di pragmatismo: se da un lato sono state abbassate le sanzioni per chi sfora, dall’altro i margini per il nostro Paese saranno ridottissimi.