Sorpresa per Meloni & Co.Gli elettori di destra vogliono le registrazioni dei figli di coppie omosessuali

Il Parlamento europeo ha approvato la risoluzione che condanna l’Italia, con molti voti a favore del Ppe. I sondaggi registrano percentuali fino al 40% di favorevoli alla maternità surrogata anche nella Lega e Forza Italia

Foto Roberto Monaldo / LaPresse

Da una parte il Parlamento europeo, che ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che «condanna» il governo italiano per le mancate registrazioni dei figli di coppie omosessuali. Con i voti favorevoli di molti esponenti del Ppe, di cui fa parte Forza Italia. Dall’altra i sondaggi che mostrano come sulle scelte che appartengono alla sfera dei temi etici l’opinione pubblica segue solo parzialmente i riferimenti politici. Con molti elettori di destra che si dicono favorevoli alla trascrizione all’anagrafe.

Il governo Meloni non riesce a entrare in sintonia né con l’Unione europea. Ma nemmeno con una grossa fetta dei suoi elettori, evidentemente.

Secondo un sondaggio riportato da Repubblica, la pratica della maternità surrogata, con o senza pagamento in danaro, divide esattamente a metà la popolazione fra favorevoli e contrari. Ma la polarizzazione non ricalca fedelmente gli schieramenti politici. Si registrano, infatti, percentuali fino al 40% a favore anche in partiti di centrodestra come Lega e Forza Italia così come risulta contrario il 38% dei votanti Pd.

Ciò si manifesta ancor di più sulla proposta di rendere la maternità surrogata reato universale. Solo un terzo è favorevole. Tra questi, la quota maggiore è costituita dagli elettori di Fratelli d’Italia (51%).

Sullo stop ai sindaci che avevano scelto di iscrivere all’anagrafe i bambini nati all’estero da coppie omogenitoriali, l’opinione degli italiani va controcorrente: il 75% si dice favorevole in quanto la priorità è difendere i diritti dei bambini e questa possibilità è condivisa anche dagli elettori del centrodestra, con una punta del 83% tra i votanti di Forza Italia.

Non è un tabù pensare che le famiglie arcobaleno abbiano figli. Per la maggioranza (56%) la diversità di sesso dei genitori non è un peso sulla crescita dei bambini e non determina danni psicologici o discriminazioni (52%). Anche in questo caso l’elettorato di Forza Italia sembra avere posizioni un po’ diverse rispetto ai partiti della coalizione.

Il 59% degli italiani è favorevole a che il partner adotti il figlio naturale dell’altro, e il 60% concorda sull’eventualità che una coppia omosessuale possa ricorrere all’adozione. Ciò che colpisce in generale è la trasversalità degli elettori: si abbattono i tradizionali steccati destra-sinistra, conservatori-progressisti.

E la questione ieri ha aperto una faglia anche tra i partiti europei. Forza Italia, iscritta al gruppo dei Popolari, ha votato insieme a Lega e Fratelli d’Italia contro la risoluzione che condanna l’Italia per «le istruzioni impartite dal governo italiano al comune di Milano di non registrare più i figli di coppie omogenitoriali». Ma lo stesso Ppe si è diviso e buona parte dei suoi iscritti hanno deciso di sostenere il testo proposto dai liberali di Renew e subito sostenuto da Socialisti, Sinistra e Verdi. Nel voto, approvato per alzata di mano e con una maggioranza così solida da non richiedere il conteggio elettronico, i rappresentanti popolari dei Paesi nordici e del Portogallo si sono schierati in difesa delle famiglie arcobaleno. Una scelta determinante. Per di più confortata dalla delegazione più numerosa, quella tedesca, che ha dato libertà di voto.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter