Mercato vincolatoL’economia di Europa e Stati Uniti sta diventando sempre più pianificata e meno libera

Secondo Steve Forbes, direttore dell’omonima rivista, i recenti sviluppi economico-politici del mondo occidentale sono conseguenza di interventi statali sempre più invasivi e limitanti per le imprese

Unsplash

Nel corso del mese di aprile ho incontrato due volte a New York Steve Forbes, direttore della rivista Forbes. Lo ritengo un uomo straordinario, che sa bene cosa sia il libero mercato. Insieme abbiamo parlato degli attuali sviluppi economici e politici negli Stati Uniti e in Europa.

La Heritage Foundation ha appena assegnato agli Stati Uniti il peggior punteggio dell’Indice di Libertà Economica da quando l’Indice è stato pubblicato nel 1995. Secondo l’ultimo Indice, ben sedici Paesi europei sono ora considerati economicamente più liberi degli Stati Uniti. Che cosa è andato storto negli Stati Uniti negli ultimi anni e che cosa deve cambiare?
Due fattori principali hanno causato la diminuzione della libertà economica negli Stati Uniti. Uno è l’ascesa del socialismo moderno. Piuttosto che la vecchia idea della proprietà pubblica di aziende e industrie, i socialisti moderni ottengono il controllo attraverso l’espansione dello Stato regolatore. Le autorità di regolamentazione dicono sempre più spesso cosa si può o non si può fare. La portata dello Stato regolatore è aumentata enormemente in questo secolo. Biden ne ha aumentato la portata a livelli senza precedenti. L’ultimo esempio: le norme proposte per i veicoli elettrici. Con la coercizione si vuole distruggere l’uso del motore a combustione interna e rendere l’industria automobilistica un reparto virtuale dello Stato. Il secondo fattore è assolutamente ignorato dai politici e dagli opinionisti: la svalutazione del dollaro. Il denaro è una misura di valore proprio come la bilancia misura il peso, l’orologio misura il tempo e il righello misura la lunghezza. All’inizio degli anni 2000, l’amministrazione Bush ha adottato una politica deliberata, ma non dichiarata, di indebolimento del dollaro. I prezzi delle materie prime salirono alle stelle. Così come i prezzi degli immobili. Il risultato è stata la crisi del 2008-2009, che, ovviamente, è stata imputata al libero mercato piuttosto che agli errori dello Stato. Questo disastro è stato seguito dalla Federal Reserve e da altre banche centrali che hanno soppresso i tassi di interesse e poi hanno stampato troppa moneta durante la crisi del Covid. Gli antidoti sono semplici: ridurre le aliquote fiscali, stabilizzare il dollaro e deregolamentare. La Corte Suprema ha preso e prenderà decisioni che aiuteranno nella battaglia contro lo Stato amministrativo.

Cosa devono fare gli Stati Uniti per ridurre la loro montagna di debito?
L’unico modo realistico per affrontare la crescente crisi finanziaria dello Stato è creare le condizioni per un’economia in crescita: tagli alle aliquote fiscali, contenimento della spesa, deregolamentazione e un dollaro stabile. Questo è in gran parte ciò che gli Stati Uniti hanno fatto nel secondo dopoguerra, quando il debito americano in proporzione al Pil è passato da oltre il centoventi per cento a circa il trentacinque per cento, prima di uscire dal gold standard all’inizio degli anni Settanta.

Cosa vi aspettate da un candidato come Ron Desantis? Sostiene un chiaro approccio orientato al mercato?
Finora nessuno dei candidati o aspiranti tali ha delineato un programma di crescita come fece Ronald Reagan quando si candidò nel 1980. La chiave del programma di Reagan era un taglio lineare del trenta per cento delle aliquote fiscali sul reddito delle persone fisiche. Questi aspiranti presidenti repubblicani devono anche spiegare cosa farebbero con l’incapace Federal Reserve. E naturalmente devono presentare una strategia per affrontare un mondo sempre più pericoloso dal punto di vista geopolitico. Reagan ha fatto anche questo.

Ultimamente l’inflazione sta dilagando in tutto il mondo. Alcuni politici e media sostengono che abbiamo superato il picco massimo. Secondo lei, cosa ha causato questa recente impennata inflazionistica e cosa si aspetta che accada in futuro?
Il recente aumento dei prezzi è il risultato delle gravi perturbazioni causate dai lockdown e dai governi che minano il valore delle loro valute. Purtroppo, la Federal Reserve e altre banche centrali pensano che si possa combattere l’inflazione deprimendo le economie e rendendo più povere le persone. Questo è simile a ciò che i medici facevano ai pazienti più di due secoli fa: li dissanguavano.

L’Unione Europea ha vietato l’immatricolazione di nuove auto con motori a combustione a partire dal 2035. A mio avviso, questo è un segno che l’Europa si sta avvicinando sempre più a un’economia pianificata, in cui sono i politici, anziché le aziende e i consumatori, a decidere cosa produrre. Cosa ne pensa del divieto? E si aspetta che gli Stati Uniti introducano una legislazione simile?
I divieti proposti in Europa e ora negli Stati Uniti sono davvero parte integrante di un’economia pianificata e modernamente socialista. Stanno usando una falsa scienza e delle vere e proprie falsità per giustificare questa presa di potere che uccide la libertà.

Con il capitalismo minacciato in tutto il mondo, l’anticapitalismo è in aumento. Cosa possiamo fare?
A livello pratico, bisogna sostenere la riduzione delle aliquote fiscali e opporsi a palesi idiozie come il divieto delle stufe a gas, la riduzione della potenza dei condizionatori d’aria e l’obbligo di acquistare costosi veicoli elettrici. Gli elettori statunitensi percepiscono che ciò che sta accadendo ora è profondamente sbagliato, proprio come nel 1980. Dobbiamo ribadire che i nostri problemi attuali sono il risultato di errori madornali del governo e di un eccesso di potere.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter