La LineaUn fiore per Piantedosi, la pazienza di Salvati e una cosa noiosissima di cui non parlerò mai più (spero)

Il momento Elide Catenacci di Fedez, la molta arte e poca pratica contro Putin e tanti altri spunti nella nuova newsletter de Linkiesta scritta da Francesco Cundari per orientarsi nel gran guazzabuglio della politica e della vita. Arriva tutte le mattine dal lunedì al venerdì alle sette. Più o meno

Questo è un estratto di “La linea” la newsletter de Linkiesta curata da Francesco Cundari per orientarsi nel gran guazzabuglio della politica e della vita, tutte le mattine – dal lunedì al venerdì – alle sette. Più o meno. Qui per iscriversi.

Radicali e Italia Viva (e sicuramente molti altri) chiedono di intitolare a Navalny la via dove ha sede l’ambasciata russa a Roma. L’Unione europea annuncia che intitolerà a Navalny le sanzioni per le violazioni dei diritti umani. Tutto giusto. Ma è difficile non condividere l’avvilimento di Ljubov Sobol, dissidente russa e collaboratrice di Navalny, che a Repubblica dice: «Quello che conta è la sostanza delle sanzioni, non a chi vengano intitolate». E soprattutto: «Putin uccide ucraini e russi, ma non vediamo azioni decisive da parte dell’Occidente per fermarlo».

Se vuoi leggere il resto della newsletter iscriviti qui

 

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club