Gli incastri europei Schlein rischia di far contare di meno il Pd e l’Italia a Bruxelles

La segretaria del Pd pronta a rinunciare alla presidenza della più importante commissione del Parlamento europeo, preferendo la commissione libertà civili da affidare al deputato simbolo della battaglia Lgbtq Alessandro Zan

Unsplash

Ora in Europa Elly Schlein vorrebbe prendere tutto quello che è possibile prendere: è il secondo tempo del rapporto tra maggioranza e minoranza che avviene in un quadro stra-dominato dalla segretaria. La quale però sa bene che l’ottima affermazione del Partito democratico alle europee è dovuta parecchio ai riformisti e ai sindaci. Ma intanto la prima grana è tutta politica. E riguarda i franchi tiratori che non voteranno Ursula von der Leyen come presidente della Commissione europea e Kaja Kallas come Alto rappresentante, entrambe schierate senza se e senza ma dalla parte del sostegno mutate all’Ucraina: a voto segreto Marco Tarquinio e Cecilia Strada diranno no a queste due nomine. Non sarà una sorpresa, ma una dissenso al primo voto non è il massimo. 

Sul versante interno l’incastro è complicatissimo. Schlein punta al massimo possibile. Oggi il Pd ha la presidenza della importantissima commissione per i problemi economici e monetari (Econ) con la riformista Irene Tinagli, ma “Elly” vorrebbe volentieri fare a meno di una commissione che nei prossimi mesi dovrà essere molto severa sui conti e certo non ne va che una politica di rigore venga intestata a un Pd che preferisce molto di più la spesa facile. Meglio dunque prendere due commissioni anche se di peso molto inferiore: la Libe (libertà civili, la giustizia e gli affari interni) e la Regi (Sviluppo regionale). 

Per la prima penserebbe ad Alessandro Zan (molto vicino alla segretaria), per la seconda ad Antonio Decaro, uno dei tre tenori della delegazione dem insieme a Nicola Zingaretti e Stefano Bonaccini. Il primo è in predicato per diventare capodelegazione del Pd mentre Bonaccini (che si è formalmente dimesso dalla Regione Emilia-Romagna) mirerebbe alla vicepresidenza dell’Europarlamento, ruolo però ricoperto da Pina Picierno, un nome molto più forte sia in relazione ai rapporti che lei intrattiene da cinque anni con tutti i gruppi e con Roberta Metsola, candidata a succedere a sé stessa alla guida dell’Europarlamento, e sia per il fatto che sarebbe difficile per Schlein togliere Picierno per fare posto a un uomo.

C’è poi da considerare che Bonaccini vicepresidente del Parlamento europeo porrebbe il tema di nominare un nuovo presidente del partito aprendo così un altro problema. A bocca asciutta per le nomine di rilievo dovrebbe restare un altro nome importante, Dario Nardella, che pure ha ottenuto un ottimo risultato personale. 

Per quanto riguarda il gruppo dei Socialisti e Democratici, Schlein ha mandato la fedelissima Camilla Laureti tra i dieci vicecapogruppo. Un’ipotesi che circola è che la riconfermata capogruppo Iratxe García Pérez potrebbe lasciare a metà legislatura per cedere a quel punto il posto al Pd italiano che potrebbe essere Zingaretti. Ma c’è anche un ex europarlamentare che fa un’altra previsione: «Tra due anni e mezzo Nicola tornerà in Italia se capisce che il Pd può vincere le elezioni».

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter