Camillo di Christian RoccaNon è ora di ritirarsi dall'Iraq, stiamo vincendo

Questa è la trascrizione di una quarta telefonata intercettata tra le utenze di Christian Rocca, Juve, e Andrea Marcenaro, Samp. La trascrizione questa volta è di Rocca, e si vede.
Christian Rocca – Ma tu hai capito che vuole dire D’Avanzo? A me pare più chiaro quando parla di Nigergate…
Andrea Marcenaro – Moggi dettava la formazione anche della Nazionale?
C. R. – Al solito non l’hai letto, e sbagli.
A. M. – Non l’ho letto?!? C’è questa frase che non mi lascia da due ore… un “deserto di ricordi che deprime il lavoro istruttorio”…
C. R. – E’ poesia, concordo.
A. M. – Rimpiange i tempi gloriosi in cui cercava il vassoio d’argento di Andreotti…
C. R. – …o la fontana di Craxi… è proprio uguale a Tang…
A. M. – Non mi rompere con Craxi…
C. R. – Dài Straccio, non fare così…
A. M. – Guarda che Liguori è un boxeur, poi ti picchia.
C. R. – Dài, spiegami il Codice D’Avanzo.
A. M. – Secondo te sta con la Juve o contro?
C. R. – Vuoi dire con i Carabinieri o con la Guardia di finanza?
A. M. – E’ disperato, non trova più pentiti a Napoli…
C. R. – Una sfiga, proprio nella patria del processo Tortora…
A. M. – Mancini, per esempio, è andato lì ma non ha detto una parola…
C. R. – Ora che ci penso, Mancini somiglia vagamente a Gianni Melluso detto il bello.
A. M. – Però non ha parlato… Porcaccia la miseria, non parla nessuno.
C. R. – Be’, però ha parlato Moggi.
A. M. – Ha chiesto la solita fornitura di moldave?
C. R. – Senti smettila, Moggi ne uscirà fuori limpidissimo.
A. M. – Serie C, Serie C con il Genoa.
C. R. – Stai calmino, gioia. Ho letto in un’intercettazione che il designatore Pairetto “risponde” alla Samp, al Milan e all’Inter.
A. M. – Serie C…
C. R. – E Moggi…
A. M. – Serie C…
C. R. – …dice che è tutta colpa di Galliani…
A. M. – Non pronuciare il nome invano…
C. R. – …l’unica cosa che ho capito dell’articolo di D’Avanzo è il messaggio sul prossimo coinvolgimento dell’Inter…
A. M. – E chi gliel’ha detto Deg…?
C. R. – …fermo, mani in alto. Non pronunciare quel nome… Sennò ci mandano davvero in B…
A. M. – Non siete così ammanicati, andate in C.
C. R. – Ho letto sull’unico organo antifascista d’Italia, Tuttosport… altro che manifesto di Ventotene…
A. M. – Non lo dire a voce alta, sennò Giuliano gli propone di uscire in panino…
C. R. – …ci sono ogni giorno editoriali garantisti… manca solo Macaluso poi è uguale al Giorno diretto da Liguori…
A. M. – Smettila con Liguori. Avete comprato le partite, siete bari.
C. R. – …l’altro giorno c’era un’intervista al capo dell’ufficio indagini… quello che nell’80 retrocesse Milan e Lazio…
A. M – Allora non c’era Galliani, poteva farlo.
C. R. – Un giudice specchiato, limpido, dice che per ora non c’è illecito sportivo…
A. M. – Vuoi che ti spieghi D’Avanzo o continui con le cazzate?
C. R. – Se ci riesci…
A. M. – I giudici di Torino chiedevano tribune ovest e park special, siamo d’accordo?
C. R. – Sì, il famoso parcheggio è il momento magico della giustizia sportiva…
A. M. – Non c’è da fidarsi di loro. Poi ci sono quelli che potrebbero parlare, ma coprono il sistema.
C. R. – I conviventi, direbbe il nuovo sottosegretario allo Sport Elidio De Paoli.
A. M. – Tecnicamente si chiama concorso esterno in calcio di rigore. Però D’Avanzo, sia pure senza Bonini, resta un giornalista coraggioso: le ha cantate alla Gazzetta e a Mentana.
C. R. – Ma che c’entra Mentana?
A. M. – Non l’ho capito, ma dice che chi accusa solo Moggi copre il vero responsabile.
C. R. – Galliani?
A. M. – Non pronunciare questo nome.
C. R. – Geronzi?
A. M. – Se non lo conosci tu, non lo conosco nemmeno io. Però D’Avanzo conosce bene i suoi pollari.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club