Camillo di Christian RoccaIn scioltezza


Un altro dibattito, questa volta a Las Vegas, vinto da Hillary Clinton, che è antipatica e insopportabile, ma di gran lunga la più seria del gruppo democratico. Obama ha solo la faccia e la storia, peccato solo che abbia scelto di condurre una campagna elettorale contraddittoria e poi di fare il candidato alla sinistra di Hillary. Il peggiore e più falso e più ridicolo è John Edwards. Dennis Kucinich, quello che ha visto gli Ufo a casa di Shirley McLaine, è bizzarro almeno quanto un numero qualsiasi di Internazionale. Bill Richardson, mea culpa, è un simpatico trombone che spesso non sa di che cosa parla. Joe Biden sa di che cosa parla, ha difeso il Patriot Act, ma parla troppo, come tutti i senatori di professione. Chris Dodd ha avuto momenti di saggezza, ma è troppo grigio. Gli unici due possibili sono Hillary e Obama, La prima è più o meno una sicurezza, ma potrebbe ringalluzzire i repubblicani e perdere, Obama è un salto nel buio, ma per ragioni bio e anagrafiche potrebbe riuscire nell’impresa di chudere l’era della guerra culturale.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club