ABC. A-Always, B-Be, C-ClosingSe Banca d’Italia twitta la linea sull’IMU

Mancano poco più di due mesi alla (definitiva?) riforma della fiscalità legata al settore immobiliare, e quindi in prima battuta dell’IMU, ma sembra essere ancora tutto in alto mare. Il nodo è però...

Mancano poco più di due mesi alla (definitiva?) riforma della fiscalità legata al settore immobiliare, e quindi in prima battuta dell’IMU, ma sembra essere ancora tutto in alto mare. Il nodo è però molto più intrigato, dato che la base di partenza è la riforma del catasto, il cui ultimo aggiornamento risale agli anni ’90 del secolo scorso. E se a spingere in questa direzione è la Banca d’Italia allora il tutto merita un’attenzione particolare.

Oggi difatti nel corso di un’audizione alla VI commissione del Senato che sta portando avanti una indagine conoscitiva sulla tassazione degli immobili l’account ufficiale dell’Ufficio stampa della Banca d’Italia ha twittato una serie di dati e fatti che sembrano porre in evidenza una situazione che, di fatto, ha comportato un aggravio generale alla situazione economica del Paese.

Che dire, più chiari di così. E il tempo, per il governo Letta, scorre inesorabilmente.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020