Banchiere di provinciaSe il guadagno val bene una multa

Leggo che Deutsche Bank ha rivisto la propria raccomandazione del titolo Volkswagen abbassando  il rating da buy a hold. Me lo segno, ma nel frattempo volevo dare a Cesare quel che è di Cesare: una...

Leggo che Deutsche Bank ha rivisto la propria raccomandazione del titolo Volkswagen abbassando  il rating da buy a hold. Me lo segno, ma nel frattempo volevo dare a Cesare quel che è di Cesare: una big bank, sanzionata qualche mese fa con una multa da 2,5 miliardi di dollari per aver manipolato i tassi Libor, Euribor e Tibor, dice la sua autorevole opinione sulla casa automobilistica che ha “truccato” i propri veicoli per essere in regola con i limiti delle emissioni nocive. Ricordate il bue che dà del cornuto all’asino? Insomma, se la cantano e se la suonano tra colossi; un modo per mettersi d’accordo, con ogni probabilità, lo troveranno quando le acque si saranno calmate. Dopotutto –immagino- sia più semplice intendersi quando, a quelle altezze vertiginose, ci si guarda negli occhi. Io, come ogni comune mortale, non ci arrivo; mi limito a fare da spettatore. Interessato certo, anche se sono alla guida di una piccola azienda, una banca locale completamente estranea alle dinamiche che regolano i rapporti fra i giganti  della Finanza e dell’Industria. Credo di aver intuito qualcosa, però, di quel mondo: o ci si comporta in un certo modo o non se ne fa parte. Lo dico perché ho il vago sospetto che, Deutsche Bank o Volkswagen o qualsiasi altro big, la musica non cambi. Il modus operandi delle grandi strutture livella qualsiasi persona vi lavori: o ci stai o sei fuori. Nell’economia globale che richiede grandi numeri per stare a galla bisogna gonfiare i numeri; come è secondario. Non voglio fare la cenerentola: sono cose risapute, ci siamo perfino stancati di indignarci. Ma sarà possibile fare veramente qualcosa o dobbiamo limitarci ad attendere il prossimo mega scandalo del big di turno? Nuove leggi ad hoc perché gli uomini, da soli, non riescono a improntare le proprie vite a comportamenti onesti? Come non ci fossero già abbastanza leggi; come se già nel secolo scorso i legislatori, con le leggi antitrust nel Paese guida del capitalismo, non avessero compreso il problema. Se il più forte impone la sua legge, non c’è legislatore che tenga. E anche se ti beccano, tutto sommato, il guadagno val bene una multa.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club