10% Di matrimonio gay e altre amenitàCome si mangia il mango

Dopo Aguacate e Pitaya vi parliamo di un altro frutto tropicale a km 3000, cioè quelli che ci separano dalle Isole Canarie, dove il suo esotico ed impronunciabile nome è “mango”. Come tagliare il ...

Dopo Aguacate e Pitaya vi parliamo di un altro frutto tropicale a km 3000, cioè quelli che ci separano dalle Isole Canarie, dove il suo esotico ed impronunciabile nome è “mango”.

Come tagliare il mango a porcospino

1) il nocciolo del mango è centrale e molto grande, praticamente come tutto il frutto. Per evitarlo tagliate il mango lungo i lati, a destra e sinistra. Della parte centrale potete salvare qualcosina tagliando intorno al nocciolo, si riconosce perché è più duro della polpa ma dello stesso colore.

2) incidete entrambe le parti con il coltello e disegnate dei quadratini

2) con la mano premete sulla buccia esterna e la polpa si aprirà a porcospino.

3) rimuovete con un coltello i quadratini; se il vostro mango è ben maturo basteranno le dita a staccare i cubetti, altrimenti aiutatevi con un coltello.

Come mangiare il mango

1) il mango è ipocalorico, potete mangiarlo da solo o in macedonia mescolando i cubetti con altra frutta,

2) non è molto saporito, provate a condirlo con succo d’arancia o di limone oppure mettetelo nello yogurt bianco,

3) frullatelo con papaya o ananas, aggiungete succo d’arancia o acqua per renderlo liquido,

4) se siete cubani, usatelo per condire il riso bollito.

Vi ricordo che io e Simona scriviamo questo blog per farvi sognare, non inquinare, quindi mangiatelo se siete in India o in Sicilia. Altrimenti l’unico Mango che vi consiglio è quello che ‘va, vola già dentro nell’eternità’.

Foto Credits Clotes