PromemoriaCerchi la scuola (ma non la trovi)

E' tempo di opporsi con questo modo della politica di trattare la scuola come un divertissement o come un fastidio per la spesa pubblica. Tutt'altro.

Vi pare possibile immaginare studentesse e studenti  disposti come “cerchi” sul prato”  per l’ultimo giorno di scuola? Riuscite a vederli  obbligati a tenere la posizione (a favore delle tv locali e nazionali) , sorridenti e immobili  per ascoltare l’ultimo sermone rituale di fine anno costretti a non riabbracciare i compagni,  senza dolcetti e scherzetti, senza abbracci, senza tirate di  patatine senza scatto di fotocamera? Francamente questa scena non riesco ad elaborarla nella mente ma magari è un problema mio.

Anyway

Tuttavia l’ennesima slavina demagogica sull’ultimo giorno di scuola fatta da viceministri, scrittori e  commentatori di vario tipo,  e che accompagna il voto di  fiducia (probabile) del DL scuola definito con enfasi una buona “mediazione” della maggioranza (ma sarebbe meglio chiamarlo per quello che è, ovvero  una toppa orrenda su un vestito già a brandelli),  è da considerarsi la controprova, e non ce n’era bisogno, dell’evanescenza progettuale da parte della  classe dirigente sulla formazione e sull’istruzione,  un deficit  che ci portiamo da anni allorquando sulla scala delle priorità la scuola sta ai governi come la zanzara estiva, ovvero un fastidio. Si sono lette, infatti, tante belle risposte ma sprovviste di domande, del tipo: come le  scuole possono “annunciare” un rientro simbolico di bambini posti all’aperto se non hanno un prato? Chi gestisce la logistica e i trasporti?  Come muovi intere  famiglie senza la certezza di spazi e di sicurezza? Per scuole d’infanzia, elementari e medie sono decisivi i Comuni e quindi come negoziare i giusti protocolli?   E – sopratutto –  il personale docente e ATA come si gestisce?   E poi – elemento non secondario –  come è possibile far rientrare bambini di quinta elementare e pre adolescenti di terza media e poi chiedere loro di non abbracciarsi come è nella natura relazionale della loro età? Non è forse una forma di  perversione e di contrappasso dantesco? 

Credo sia giunto il tempo di opporsi culturalmente con  questo modo della politica di trattare la scuola come un divertissement per malati di accidia, una frivolezza su cui riversare frustrazioni sado-masochiste senza avere il minimo pudore del reale. In altri termini, quando non si ha nulla da fare, quando tutte le priorità sono ben incasellate nell’agenda e finiscono le munizioni dell’arsenale delle opinioni, arrivati  in fondo al barile rimane solamente il  cazzeggio  facile, la grandiloquenza del nulla.  Un nulla  – oltretutto non richiesto da chi davvero nella scuola ci lavora e si spacca la schiena – il cui contenitore sembra avere capacità illimitata di sciocchezze.  Nel mentre la scuola (figlia non riconosciuta di divinità minori) va avanti con la passione di insegnanti e di dirigenti, con la prodezza eroica di segreterie e collaboratori, con la fatica di studenti e famiglie. 

Tutti i soggetti coinvolti nella governance della scuola farebbero bene – ciascuno per la propria parte – a smetterla di stare nelle retrovie a cantarsela mentre il comparto sta al fronte leccandosi le ferite di un tempo necessario quanto incerto.  Oggi sul tappeto ci stanno le questioni strutturali che non riguardano  la fine dell’anno (attuale)  ma il fine degli anni scolastici futuri, come saggiamente dichiarato recentemente dal pedagogista Marco Rossi  Doria secondo cui “la scuola deve cogliere questa occasione per cambiare”. 

E cambiare paradigma vuol dire re-forma (letteralmente fare nuove) di questioni serie e strategiche.  Pensare – semplificando – ad una didattica multimediale non emergenziale e subita ma compartecipe alla formazione nel raggiungimento di competenze. Immaginare , per converso, alla didattica frontale riscoprendone le  potenzialità sul piano della relazione interpersonale nella costruzione del gruppo educante.  Ma sopratutto  – last but not least – bisogna fare  una concreta  sforbiciata all’accumulo di normativa e orientarla sulla qualità dove autonomia e obiettivi generali non vadano mai in contraddizione. Se la governance si mette a lavorare su queste priorità,  avrà così tanto tempo produttivo e appassionante  da dimenticare le stramberie di distrazione di massa. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020