Anno 2020, fuga dal Sud Europa

Boom di vendite dei bond di Italia, Francia e Spagna al picco della pandemia

Molte considerazioni si potrebbero fare osservando la fuga degli investitori istituzionali tedeschi dai bond dei paesi del Sud Europa nei primi mesi del 2020, quando la pandemia iniziò a infliggere le sue ferite nelle nostre società. La prima, quella più facile, è che le esigenze della finanza non contemplano la solidarietà europea, che pure ha dato forma al Recovery fund. L’altra, meno popolare, è che questi fondi, una volta elemento di stabilità nei mercati, operano in un ambiente di tassi rasoterra che ne ha esasperato la fame di rendimento generando comportamenti prociclici: vendono quando tutti vendono. E’ la vendetta dei creditori, potremmo dire, che nessuna solidarietà ricevono in quest’alba di nuovo secolo. E quindi non ne danno.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter