il Cronicario di CrusoeL’Italia creditrice

Dopo 30 anni torna positiva la posizione sull'estero

Nascosta in una riga dell’ultimo bollettino economico della Banca d’Italia trovo persino una buona notizia, in questi tempi di tregenda economica: l’Italia è entrata nel club dei paesi creditori. Siamo ancora nell’atrio, con il nostro modesto 0,2% di attivi sul Pil, che pesa circa 3,1 miliardi di euro. Ma ci siamo: il valore dei nostri crediti esteri è superiore di quello dei nostri debiti con l’estero. Parrà poco, ma ci sono voluti trent’anni per tornare creditori dell’estero. Perché diventare debitori è facile, anzi facilissimo. Il contrario per niente. E richiede parecchio tempo. Pensateci, mentre plaudite al prossimo scostamento di bilancio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta