O tempora, o moresRita Di Giovacchino, perinsignis diurnaria, mortem obiit

Scelerum iudicialiumque actionum scriptrix septuaginta quattuor annos abhinc aliquot mensibus compleverat

Die II vertentis mensis Maii Rita Di Giovacchino in Romano nosocomio, quo iam dudum pridem recepta erat, morbo Coronario confecta diem supremum obiit atque somno est consopita sempiterno: incluta diurnaria, quae primum agenturae ANSA, deinde diario “Nuntius” (Italice Il Messaggero) denominato operam dedit proximisque temporibus in interretiali ephemeride “Factum Cotidianum” (Italice Il Fatto Quotidiano) inscripta histologion curavit, septuaginta quattuor annos abhinc aliquot mensibus compleverat. Cuius nomen Antonius Padellaro grato commotoque animo inter alios prosecutus est.

Sagacissima scelerum iudicialiumque actionum scriptrix plures libros composuit typisque imprimendum curavit, quibus magnam gloriam sibi comparavit. Inter quos illum, cui “Liber niger Primae Rei Publicae” (Italicis verbis Il libro nero della Prima Repubblica) index, potissimum memorare oportet.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta