Altro che barzellette: ecco cosa succede davvero quando un cavallo entra in un bar

È avvenuto a Chantilly, città francese a nord di Parigi e nota per le porcellane e i cavalli. L’incidente, per fortuna, si è risolto senza feriti

Un cavallo entra in un bar e.. No, non è l’inizio della storica freddura (che finisce con: “E il barista gli chiede: Cos’è quel muso lungo?”), ma la sua traduzione nella realtà. Una vecchia barzelletta che dissemina il panico in un caffè francese a Chantilly, cittadina celebre per le sue porcellane, le ceramiche, il castello e le annesse scuderie, con tanto di museo vivente del cavallo.

(Sì, c’entra anche la crema Chantilly, anche se non è nata lì)

Ed è un cavallo il protagonista di questa storia. Fuggito dalla stalla ha attraversato la città e, alla fine, è entrato in un bar scatenando un putiferio. I proprietari, terrorizzati, sono rimasti impietriti di fronte all’animale che si impennava e buttava a terra i tavolini e le sedie. Poi, soddisfatto del suo lavoro, se ne è andato.

Nessuno è rimasto ferito. Dentro c’erano solo sette clienti, e per fortuna: “Cinque minuti prima il locale era pieno: tutte persone che poi sono andate via per prendere un treno”, ha detto il proprietario.

Invece, il padrone del cavallo, ha raccontato di aver perso il controllo dell’animale mentre lo stava accompagnando sulla strada. “Ha la tendenza a scappare”, ha detto. E stavolta aveva anche voglia di mettere fine alle stupide battute sui cavalli nei bar.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta