PrevedibilitàLa banalità dello Strega: avevamo indovinato quasi tutti i finalisti

Scurati, Cibrario, Missiroli, Durastanti, Terranova: già tre mesi fa avevamo previsto chi sarebbero stati i finalisti del premio Strega, che allora definimmo “un inchino al consueto”. Ne abbiamo azzeccati 4 su 5. E allora chiediamo: se un premio non è orientato al nuovo, che senso ha?

Foto da Facebook

Leggo, sonorizzando la risata, la Cinquina benedetta al prossimo Premio Strega. Eccola, in ordine di preferenze:

*Antonio Scurati

*Benedetta Cibrario

*Marco Missiroli

*Claudia Durastanti

*Nadia Terranova

Ho citato, non a caso, i nomi degli autori e non le opere. Virtù vorrebbe che l’autore scomparisse all’ombra della propria opera, ma qui, cagnesco egocentrismo, l’opera non c’è, resta, dopo la buriana, l’autore, modesto uno come l’altra.

Mi rileggo. Articolo del 16 marzo 2019, tre mesi esatti fa, pubblicato da Linkiesta. Titolo. “Il premio Strega? Un inchino al consueto. Ecco chi dovrebbe vincerlo davvero”. Ecco il paragrafo che mi elegge Isaia sul culto della notte trionfante.

“La cinquina dello Strega è come l’Oscar a Hollywood, il dicastero del politicamente corretto. Insieme agli scrittori paludati, plauditi e fotogenici – ma vincerà Missiroli, perché premiare Scurati significherebbe, implicitamente, omaggiare Mussolini – saranno ammessi in finalissima Laura Pariani (una donna ci vuole, la stampa Madama Sgarbi, ci vuole anche lei), Claudia Durastanti (una giovane donna ci vuole, stampa sempre Madama Sgarbi, propone quel volpone di Furio Colombo) e magari Nadia Terranova (propone ‘Pigi’ Battista, che non è proprio Contini ma neanche Proust, stampa Einaudi; una cinquina ‘al femminile’, si sa, favorisce i titoloni sui giornali)”.

Tolta la Pariani – sostituita dalla Cibrario – li ho azzeccati tutti. 4 su 5. E non sono Nostradamus e di letteratura, notoriamente – chiedere ai pavidi detrattori – ci capisco come un cammello a fare il tango su un iceberg.

Continua a leggere su PangeaNews

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta