Se sogni, puoi farloDisneyworld vuole riaprire a luglio, ma non sarà possibile abbracciare Topolino

Il parco in Florida si adeguerà alle norme Covid: distanziamento sociale e mascherine. Senza parate, stando distanziati sulle giostre. Sarà proibito interagire con i personaggi

Dopo tre mesi di stop, c’è un piano per riaprire il parco di Disneyworld, a Orlando, in Florida. La data fissata è metà luglio, e forse con qualche giorno di anticipo si potrà entrare nei parchi di Magic Kingdom e Animal Kingdom.

Come spiega questo articolo del New York Times, è un evento dalla grande portata simbolica: dopo la chiusura del 15 marzo, indica il ritorno alla normalità.

O quasi. Perché anche nei parchi divertimento, come del resto avviene nel Disneyland di Shanghai, sarà necessario indossare mascherine e mantenere il distanziamento sociale.

Questo significa obbligo di acquisto dei biglietti in anticipo, scanner per la temperatura e meno parcheggi (si alterneranno posti disponibili a posti non disponibili) per creare spazio tra i gruppi. Ma non solo: sulle giostre ci si dovrà sedere distanziati, i ristoranti avranno la metà dei posti e gli alberghi aumenteranno o diminuiranno la capacità a seconda della situazione.

E ancora: niente spettacoli con i fuochi d’artificio (per risparmiare sui mancati ingressi, che saranno ridotti della metà), annullate le parate a metà pomeriggio (troppe persone vicine), impossibile abbracciare i personaggi, come Topolino e Pippo. Non si può nemmeno fare un selfie con Cenerentola.

In più, per far sì che tutti indossino la mascherina, ci saranno cartelli con “parole forti” e (sì, anche lì) un esercito di assistenti civici. Dove è il divertimento?

In casa Disney sono preoccupati. Disneyworld è una delle industrie più grandi della zona. Ci lavorano circa 75mila persone (molte di queste, con gli ingressi ridotti, saranno lasciati a casa) e ha una flotta di bus superiore a quella di città come St. Louis.

Come è evidente dalle dimensioni, ha anche costi fissi rilevanti, difficili da coprire con gli ingressi scaglionati. Eppure, conti alla mano, conviene aprire poco – e poi aprire tutto – anziché tenere chiuso.

Resta da capire chi vorrà andarci, a queste condizioni. Anche perché il parco sarà a metà regime ma i prezzi, a quanto sembra, resteranno status quo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta