La grafica EurostatSette persone su dieci in Europa vivono in una casa di loro proprietà

Il 46 per cento dei cittadini dell’Unione vive in appartamenti, molto diffusi in Lettonia, Spagna ed Estonia. Mentre il 35 per cento in case unifamiliari, presenti in gran quantità in Croazia e Slovenia

La pandemia ha costretto gli europei a rimanere tutto il giorno nelle loro case. Ma quanti vivono in un appartamento e quanti invece possono passare il loro lockdown in una casa indipendente? Ci viene incontro Eurostat che spiega come nel 2018 poco più di un terzo degli europei viveva in case unifamiliari (35 per cento), il 46 per cento in appartamenti e il 19 per cento in case a schiera o semi-indipendenti.

Gli appartamenti sono il tipo di residenza più scelto in nove Stati membri, in particolare Lettonia (66 per cento), Spagna (65 per cento), Estonia (62 per cento) e Grecia (61 per cento). Le quote più basse sono state registrate in Irlanda (8 per cento) e Paesi Bassi (20 per cento).

Al contrario, oltre i due terzi della popolazione vivono in case indipendenti in Croazia (70 per cento), Slovenia (66 per cento), Ungheria e Romania (entrambe 65 per cento), I Paesi Bassi (58 per cento) e l’Irlanda (52 per cento) sono gli unici Stati membri dell’Unione in cui oltre la metà della popolazione vive in una casa bifamiliare nel 2018.

Leggi il rapporto completo sul sito di Eurostat

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter