Addio Pau DonésÈ morto a 53 anni il leader degli Jarabe de Palo

Il frontman soffriva di un cancro dall’agosto del 2015. Il rock latino perde una delle sue figure più rappresentative

Lutto nel mondo della musica: è morto a 53 anni Pau Dones, il frontman e fondatore del gruppo Jarabe de Palo. Soffriva di un cancro dall’agosto del 2015. Lo annuncia la stampa spagnola, riprendendo un post della famiglia sui social. 

La famiglia del cantante ringrazia «il team medico e tutto il personale» degli ospedali che hanno seguito Pau Dones, «per il lavoro e la dedizione che gli hanno dedicato in questo periodo» e chiede «il massimo rispetto per la privacy in questo momento difficile».

«Il cancro mi ha fatto fermare, soprattutto a causa delle conseguenze delle operazioni, ma questa decisione era stata presa un po’ di tempo fa… È il mio turno, me lo merito. Sono stato al mio meglio per 20 anni e ho bisogno di un cambiamento. Ho cominciato a fare meno piani e prestare più attenzione al presente. Faccio le cose che voglio e non faccio ciò che non voglio. Il livello di conformismo in cui viviamo è molto basso, immediatamente ci accontentiamo di qualsiasi cosa. Voglio prepararmi per andare al cinema, andare a mangiare con gli amici, camminare in montagna, fare surf, ma soprattutto stare con mia figlia», ha dichiarato un anno fa Pau Donés quando aveva deciso di chiudere.

Il rock latino perde una delle sue figure più rappresentative che con gli Jarabe De Palo, che in lingua spagnola significa usare le maniere forti anche quando non servono, ha conosciuto il successo nel 1996 con il brano La Flaca che ha venduto oltre venti milioni di copie nel mondo.

La conferma è arrivata con il secondo album, che si intitola Depende e colpisce sia il pubblico iberico sia quello italiano. Nel 2001 arriva poi De vuelta y vuelta, l’album più intimo della band nel quale compare anche la collaborazione con Jovanotti. Presente anche in Bonito nel 2003, che riporta i Jarabe De Palo ai toni iniziali.

Adelantando esce nel 2007, lanciato dal singolo Me gusta como eres, che in Italia diventa Mi piace come sei, con la collaborazione di Niccolò Fabi, che ne interpreta anche una parte. Nel 2014 viene rilasciato l’ottavo album di inediti, intitolato Somos. Contiene due pezzi in italiano, Siamo e Oggi non sono io, condivisi rispettivamente con Jovanotti e Kekko Silvestre dei Modà.

Qualche settimana fa il cantante aveva dichiarato di voler tornare a fare musica dopo lo stop deciso l’anno scorso: «Torno per incontrare la mia gente e restare per sempre qua. Torno, perché la musica è tornata di nuovo nella mia testa. Torno, perché è tempo di condividere ancora i nostri sentimenti, torno perché tornare su un palco è la sola cosa a cui penso, torno per essere quello che ho sempre voluto essere».