La grafica EurostatI finlandesi sono i cittadini europei che cercano più informazioni sulla salute online

Nel 2019 il 53% dei cittadini dell'Unine europea tra 16 e 74 anni ha riferito di aver cercato in Rete notizie su lesioni, malattie e alimentazione. Le quote più basse sono state osservate in Bulgaria (30%), Romania (31%) e Italia (35%)

Nel 2019 il 53% dei cittadini dell’Unine europea tra 16 e 74 anni ha riferito di aver cercato informazioni sanitarie online relative a lesioni, malattie, alimentazione, miglioramento salute o simili. Una crescita di due punti percentuali rispetto al 2019 e del 19% rispetto al 2009 (32%).

La quota più alta è stata registrata in Finlandia, dove il 76% degli utenti di Internet ha cercato online argomenti relativi alla salute negli ultimi tre mesi prima dell’indagine, seguita dai Paesi Bassi (74%), Cipro (69%), Danimarca (67%) e Germania (66%). Al contrario, le quote più basse sono state osservate in Bulgaria (30%), Romania (31%), Italia (35%), Polonia (47%), Lettonia e Slovenia (entrambe 48%).

Nell’ultimo decennio, la percentuale di persone in cerca di informazioni sanitarie online è aumentata in tutti gli Stati membri dell’Unione. L’aumento più elevato è stato registrato a Cipro (+53%), seguito da Croazia (+37%), Repubblica Ceca (+36%) e Grecia (+35 punti%), mentre gli aumenti più bassi sono stati osservati in Lussemburgo (+4%), Francia (+13%) e Italia (+14%).

Leggi il rapporto completo sul sito di Eurostat

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta