La star di GleeNaya Rivera è morta per salvare il figlio di 4 anni

Il corpo recuperato dalle acque del lago Piru in California è quello della 33enne attrice, scomparsa mercoledì scorso durante una gita in barca

Afp

Il corpo recuperato dalle acque del lago Piru in California è quello di Naya Rivera, la 33enne attrice di “Glee” scomparsa mercoledì scorso durante una gita in barca con il figlio Josey di quattro anni. Lo hanno confermato le autorità della contea Ventura.

«L’attrice americana è morta per salvare suo figlio di quattro anni», ha aggiunto lo sceriffo della contea, Bill Ayub. «Ha usato tutte le sue forze per riportare il figlio sulla barca, ma non ne aveva più per mettersi lei in salvo», ha spiegato Ayub, citato dalla Cnn. Per la definitiva certezza dell’identità il cadavere di Rivera sarà sottoposto ad autopsia.

Il piccolo aveva raccontato ai soccorritori che lui e la madre erano andati in acqua per nuotare, ma lei non era tornata sulla barca. L’aveva vista sparire sotto la superficie del lago, ha affermato Ayub. L’attrice e il figlio, a quanto pare, nuotavano in un’area caratterizzata dalla presenza di una fitta vegetazione sotto il livello dell’acqua. Il lago Piru è già stato in passato luogo di annegamenti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta