Lacrime e frasi shockIl primo comizio di Kanye West per le elezioni presidenziali

Il rapper è salito sul palco con un giubbotto antiproiettile e “2020” rasato nella parte posteriore della testa. Ha parlato di tutto, dalle droghe all’aborto, si è scagliato contro i social media e a un certo punto è scoppiato a piangere

Afp

No, Kanye West non si è ritirato dalla corsa per la Casa Bianca. Il rapper infatti, nonostante le dichiarazioni rilasciate al blog Intelligencer con le quali ipotizzava una sua rinuncia, ha deciso di formalizzare la candidatura per le prossime elezioni presidenziali americane.

E per la prima volta è salito su un palco per un comizio pubblico in Sud Carolina. Kanye West si è presentato con indosso un giubbotto antiproiettile e senza microfono, ha parlato di tutto, con una particolare attenzione per l’aborto, arrivando perfino a presentare una sua proposta per evitare l’interruzione di gravidanza: «Un milione di dollari a ogni donna che rimane incinta».

Si è scagliato contro i social media e a un certo punto è scoppiato in lacrime. West è apparso sul palco con “2020” rasato nella parte posteriore della testa, ha fatto riferimento più volte alla Bibbia e agli insegnamenti cristiani e, a un certo punto, è scoppiato a piangere raccontando come sia stato quasi abortito dai suoi genitori e che lui stesso e sua moglie, Kim Kardashian, hanno pensato di abortire prima di far nascere la loro prima figlia.

Ha parlato di droghe legali, che a suo parere alterano la percezione della realtà, ha ribadito la sua idea di legalizzare la marijuana, per poi arrivare a dire: «L’unica cosa che può liberarci è obbedire alle regole che ci sono state date per una terra promessa».

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter