L’anti Lukašenko«La Bielorussia si è svegliata. Adesso siamo la maggioranza, la rivoluzione pacifica è in atto»

La leader dell'opposizione Svetlana Tikhanovskaya ha pronunciato alla commissione Esteri del Parlamento europeo un discorso per chiedere un tavolo di negoziazione col dittatore a vita: «L'intimidazione non funzionerà. Non ci arrenderemo»

Afp

Pubblichiamo la dichiarazione di Svetlana Tikhanovskaya alla commissione Affari Esteri del Parlamento europeo sulla situazione in Bielorussia.

Onorevoli membri del Parlamento europeo,
Signore e signori,

Oggi il mio paese, la Bielorussia, è in subbuglio e in crisi. Manifestanti pacifici vengono detenuti, imprigionati e picchiati illegalmente. Le autorità usano la tattica dell’intimidazione, della paura e della minaccia fisica. Almeno sei persone sono state uccise, dozzine sono disperse. Questo sta avvenendo nel cuore dell’Europa.

L’attuale crisi è seguita alle elezioni del 9 agosto. Secondo l’opinione della maggioranza degli osservatori, il processo elettorale è stato profondamente viziato. Alcuni oppositori del signor Lukašenko, compreso mio marito, sono stati incarcerati con accuse inventate. Altri sono dovuti fuggire per paura di essere perseguiti.

Le stesse elezioni sono state contrassegnate da migliaia di violazioni, mentre gli osservatori più autorevoli del processo elettorale – l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Ocse)- non sono stati invitati a osservare le elezioni.

I risultati ufficiali delle elezioni sono stati falsificati, respinti dal popolo bielorusso e dalla maggioranza della comunità internazionale. I leader europei hanno dichiarato congiuntamente che i risultati delle elezioni ufficiali sono fraudolenti. I partiti del Parlamento europeo in una dichiarazione congiunta hanno affermato di non riconoscere i risultati delle elezioni bielorusse e di non riconoscere Lukašenko come presidente eletto della Bielorussia.

Consentitemi di utilizzare questa opportunità per esprimere la gratitudine del popolo bielorusso per il sostegno al Parlamento europeo e a tutti i suoi partiti.

Sulla scia delle elezioni milioni di bielorussi sono scesi in piazza in tutto il paese per proteste pacifiche contro Lukašenko. Le manifestazioni sono senza precedenti per dimensioni e portata nella storia della Bielorussia. Nonostante la natura pacifica delle proteste, le autorità hanno tentato una violenta repressione. Ciò, tuttavia, non ha scoraggiato il nostro popolo e ha solo rafforzato la determinazione della nazione. La scorsa domenica si sono svolte le più grandi manifestazioni pubbliche nella storia della Bielorussia, in cui più di 200.000 persone sono scese nelle strade della capitale Minsk.

La Bielorussia si è svegliata. Non siamo più l’opposizione. Adesso siamo la maggioranza. La rivoluzione pacifica è in atto.

La rivoluzione in Bielorussia non è una rivoluzione geopolitica. Non è né una rivoluzione filo-russa, né anti-russa. Non è né un’unione antieuropea, né una rivoluzione sindacale proeuropea. È una rivoluzione democratica. È l’impegno di una nazione a decidere da sola. È l’impegno del popolo a eleggere liberamente ed equamente i suoi leader e decidere il suo destino.

La rivoluzione in Bielorussia non è una rivoluzione violenta. È un impegno pacifico del popolo per la libertà, per l’autodeterminazione e la dignità fondamentale.

Invito tutti i paesi del mondo a rispettare il diritto fondamentale della nazione all’autodeterminazione. Invito tutti i paesi del mondo a rispettare la sovranità della Bielorussia. Invito tutti i paesi del mondo a rispettare l’integrità territoriale della Bielorussia.

La richiesta dei bielorussi è semplice: elezioni libere ed eque. Questa è la richiesta dei manifestanti nelle strade, questo è lo slogan delle persone in sciopero in numerose fabbriche in tutto il Paese. Questo è il desiderio dell’intera nazione.

La Bielorussia fa parte dell’Europa. Culturalmente, storicamente e geograficamente. Ci impegniamo a rispettare le norme del diritto internazionale e vogliamo occupare un posto di diritto tra le altre nazioni in Europa. L’esperienza dell’Europa nel garantire lo stato di diritto, i diritti umani, la magistratura indipendente e la libertà dei media è di primaria importanza per la nuova Bielorussia che rinascerà.

Nelle ultime due settimane i bielorussi hanno dimostrato che non si arrenderanno. La volontà del popolo non sarà spezzata.

Il nostro obiettivo è raggiungere pacificamente elezioni eque e libere attraverso il dialogo. Con la presente dichiaro la nostra disponibilità a negoziare con le autorità. Siamo pronti a nominare i negoziatori. Siamo disponibili a considerare la mediazione delle organizzazioni internazionali al fine di facilitare il dialogo.

Per facilitare il periodo di transizione, ho avviato un Consiglio di coordinamento nazionale, composto da tutti i livelli della società civile bielorussa e da tutto lo spettro politico. Purtroppo le autorità hanno risposto con minacce e intimidazioni nei confronti dei membri del Consiglio, compresa la vincitrice del Premio Nobel Svetlana Alexievich.

L’intimidazione non funzionerà. Non ci arrenderemo. Chiediamo di rispettare i nostri diritti fondamentali. Chiediamo che tutti i prigionieri politici siano liberati. Chiediamo di fermare la violenza e le intimidazioni da parte delle autorità.

I bielorussi meritano di meglio. L’Europa merita di meglio.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club