Soluzione comuneServe una piattaforma virtuale europea per valutare l’efficacia dei vaccini

L’Associazione no profit Luca Coscioni propone di coordinare tra loro le strategie dei Paesi europei per affrontare uniti l’emergenza e testare le cure che verranno proposte superando la frammentazione della ricerca, che ha causato ritardi nella ricerca sulle terapie contro il SARS-Cov-2

Pixabay

«È necessaria una piattaforma virtuale europea per gli studi clinici e la valutazione rapida dell’efficacia dei vaccini». Questo è il suggerimento che il direttore esecutivo dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema) Guido Rasi fa al Governo italiano tramite l’Associazione Luca Coscioni, organizzazione no profit fondata nel 2002 che si occupa di promozione sociale.

Attiva a livello internazionale a tutela del Diritto alla Scienza e alla Salute, l’Associazione insieme a medici, scienziati, statistici ed esperti ha studiato, passo passo, l’impatto della pandemia e si è confrontata anche con le istituzioni politiche su misure che potrebbero aiutare a gestire e affrontare l’attuale crisi pandemica.

L’Associazione è impegnata a offrire delle proposte urgenti formulate in collaborazione con interlocutori tecnici per ogni singolo settore, a partire da Guido Rasi di Ema. L’ultima riguarda la necessità di implementare strategie di coordinamento per fornire ai vari Paesi europei una cornice comune entro cui affrontare l’emergenza da ora fino al momento in cui sarà disponibile il vaccino.

L’Associazione Luca Coscioni ha quindi sollecitato il Governo a dare seguito in sede di Unione europea all’idea che Guido Rasi ha avanzato in occasione del Congresso dell’Associazione: «Bisogna proporre all’Unione europea interventi urgenti per superare la frammentazione della ricerca, che ha causato ritardi di mesi nella ricerca sulle terapie contro il SARS-Cov-2. Serve una piattaforma virtuale organizzata per gli studi clinici in Europa e una rete di valutazione rapida dell’efficacia dei vaccini nell’uso della popolazione: «con una cifra minima di 10/12 milioni si può mettere in piedi una piattaforma di coordinamento per vedere subito nel mondo reale in poche settimane come i vaccini si stanno comportando per poter perfezionare le campagne vaccinali nei vari Paesi».

Secondo l’Associazione occorre un’iniziativa forte del Governo italiano su aspetti come politiche di test, regole di quarantena, indicazioni per i viaggi e app per il tracciamento dei contatti. Aspetti per cui Paesi membri dell’Unione non stanno ancora mettendo in atto le stesse strategie.

È fondamentale che l’Italia si faccia sentire in sede di Unione europea per scongiurare il proseguirsi di una gestione nazionalistica della crisi. Della proposta di Guido Rasi e di tutte le altre proposte al Governo elaborate dell’Associazione Luca Coscioni, alcune delle quali già depositate sotto forma di interrogazione parlamentare, si parlerà venerdì 30 ottobre dalle 14:00 alle 16:00 durante un incontro online, che si potrà seguire sulla pagina Facebook e sul canale YouTube dell’Associazione Luca Coscioni: «Oltre le chiusure: conoscenza, prevenzione, riforme, democrazia, Europa. Le nostre proposte al Governo».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia