Lose-lose?Che cosa rischiano davvero Regno Unito e Unione europea senza un accordo commerciale post Brexit

Manca un mese e mezzo alla fine del periodo di transizione. Il 1° gennaio 2021 Londra sarà totalmente fuori dal mercato comune europeo. Aurélien Antoine, professore di diritto pubblico all'Università di Saint-Etienne e direttore dell'Osservatorio Brexit, decifra la posta in gioco nelle prossime settimane

Pixabay

Articolo originariamente pubblicato sullo European data journalism network

I principali punti di tensione insiti nella Brexit, ovvero la libera circolazione delle persone attraverso la Manica ed evitare un confine tra le due Irlandesi, sono stati risolti nell’accordo di recesso adottato in extremis un anno fa. Il periodo di transizione, che va fino alla fine di dicembre, avrebbe dovuto sistemare tutto il resto. Allora, cosa è ancora bloccato?

Principalmente tre problemi. In primo luogo, le due parti non sono in grado di concordare i termini di una concorrenza leale. Il governo britannico ritiene ancora che l’UE non gli dia abbastanza margine di manovra per ripristinare la sovranità del Regno Unito. Ad esempio, il Regno Unito non sarà in grado di determinare il proprio regime legale per gli aiuti di Stato. Il Regno Unito chiede un accordo sul modello dell’accordo Ceta UE-Canada, che prevede una certa cooperazione normativa e quindi comporta un rapporto abbastanza stretto tra le due parti. Solo che gli inglesi chiedono un accesso più privilegiato del Canada al mercato interno europeo, in particolare con zero dazi doganali. Ma Bruxelles si sente in diritto di rifiutarlo se Londra non accetta un allineamento normativo di vasta portata attraverso standard armonizzati in materia di salute, ambiente e luogo di lavoro.

Al contrario, l’UE ritiene di poter mantenere il Regno Unito nella sua orbita a causa dello status del Regno Unito come ex stato membro e imporre un allineamento normativo più forte su di esso rispetto ad altri paesi partner. Tuttavia, nella mente di Boris Johnson, e in particolare del suo consigliere speciale Dominic Cummings, la Global britain di libero scambio che vogliono costruire è uno stato come un altro, senza legami speciali con l’Unione europea. Data la diversa inquadratura della questione su entrambi i lati della Manica, le due parti hanno difficoltà a impegnarsi in un dialogo costruttivo.

Il secondo punto critico, dove l’UE ha più da perdere rispetto al Regno Unito, è la pesca. Londra, che sta cercando di riprendere il controllo delle sue acque territoriali, ha recentemente raggiunto un accordo con la Norvegia che concede a ciascuna parte l’accesso alle zone di pesca dell’altra e fissa delle quote che saranno riviste ogni anno. Sostiene un simile accordo con l’Europa, che Bruxelles rifiuta.

L’ultimo punto di tensione riguarda le questioni di governance, in particolare il ruolo della Corte di giustizia dell’UE nell’interpretazione del futuro accordo e i minimi dettagli dell’allineamento normativo. L’UE vuole che le decisioni della Corte siano vincolanti per Londra, mentre il Regno Unito esclude qualsiasi interferenza da parte della Corte che potrebbe limitare la sua sovranità.

L’adozione da parte del parlamento britannico di una legge sul “mercato interno”, introdotta a metà settembre, sembra aver infranto la fiducia tra le due parti. In cosa consiste esattamente la legge?
Questa legge intende lasciare il nuovo regime commerciale dell’Irlanda del Nord alla sola discrezione del Regno Unito. Si tratta di una violazione dell’accordo di recesso concluso lo scorso anno tra le due parti. In questo le due parti avevano trovato, dopo lunghi mesi di stallo, una soluzione alternativa per evitare il ritorno di un confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda. Il disegno di legge, che consente al governo britannico di regolamentare unilateralmente il commercio nell’Irlanda del Nord, viola il Protocollo sull’Irlanda allegato al trattato di recesso. Questo testo prevede una governance congiunta sulla questione, con l’UE. Questa diretta violazione del diritto internazionale ha chiaramente avvelenato i rapporti con l’UE, che considera fondamentali il rispetto della legge e la buona fede.

Oltre alla pesca, ci sono altri settori che cristallizzano le tensioni, come ad esempio la finanza?
I pescatori francesi hanno più da perdere rispetto a quelli di qualsiasi altro paese europeo, motivo per cui questa domanda ha più risonanza qui in Francia. Al contrario, le tensioni sul settore finanziario stanno diminuendo. Questo perché, a poco a poco, si sta elaborando un accordo di cooperazione tra la Città e gli hub finanziari europei. Per il settore finanziario ciò potrebbe consentire il superamento della Brexit a medio termine. Mi sembra inoltre che la natura non fisica del capitale renda il settore finanziario meno vulnerabile rispetto, ad esempio, alle industrie il cui processo di produzione coinvolge parti da entrambe le sponde della Manica.

Di chi è l’interesse che il periodo di transizione termini senza un accordo?
A breve termine, l’impatto di un “no deal” è negativo per il Regno Unito. Ma chissà come sarà tra quindici anni? Il governo britannico, che ha certamente una visione piuttosto utopica della Brexit, conta su primi anni difficili. Ma mira a raggiungere una situazione migliore rispetto all’UE nel lungo periodo, grazie in particolare ai nuovi collegamenti con gli Stati Uniti o l’area del Pacifico. E se questa strategia avesse funzionato? È impossibile saperlo oggi.

 

Per l’Europa è esattamente l’opposto. Date le dimensioni del suo mercato interno, ha meno da perdere a breve termine, anche se ci saranno grandi cambiamenti in alcuni settori. Ma nel medio e lungo termine, se l’avventura solitaria del Regno Unito avrà successo, la Brexit potrebbe agire come una bomba a orologeria politica, dando idee agli Stati membri meno eurofili.

Dopo un periodo di completo stallo, il Regno Unito ha accettato di riprendere i colloqui. Chi è nella posizione più forte?
Se il Regno Unito volesse davvero mantenere uno stretto rapporto con l’Unione europea, avrebbe già potuto cedere a una serie di standard per consentire una concorrenza più equa. Vediamo che non è assolutamente così. L’Ue, da parte sua, ha già parzialmente ceduto sulla questione della rete di sicurezza tra le due irlandesi, per preservare gli accordi di pace del Venerdì Santo. Quindi ora non vuole dare l’impressione di cedere, anche in parte, alle richieste britanniche. Solo che, poiché l’UE è stata costruita sulle fondamenta di un enorme mercato interno, Bruxelles stenta ad accettare di rinunciare al mercato britannico. Nonostante la sua linea apparentemente ferma, l’Unione si trova di fronte a un dilemma dal quale uscirà indebolita.

In risposta alla malafede mostrata dal governo britannico con il suo disegno di legge sul mercato interno, l’UE dovrebbe forse accettare esplicitamente il rischio di un “no deal”. Questo ovviamente non è auspicabile dal punto di vista economico, ma cosa può fare l’UE di fronte a un partner che non rispetta i propri impegni? Per ora, molti nell’UE continuano a essere ossessionati dal fatto che non deve esserci un concorrente alle loro porte che diventerà, come si suol dire, “Singapore-on-Thames”. Eppure tolleriamo già i paradisi fiscali all’interno dell’UE. In queste circostanze come possiamo chiedere a un paese terzo di essere più esigente di quanto lo siamo noi con alcuni Stati membri?

È ancora possibile trovare un accordo che entri in vigore entro il 1° gennaio 2021?
Questa prospettiva sta gradualmente svanendo a causa di una serie di requisiti procedurali che devono essere soddisfatti. Da parte britannica sarebbe necessaria una legislazione per recepire l’accordo nel diritto nazionale. Le cose potrebbero muoversi abbastanza rapidamente perché l’accordo di recesso non concede un ruolo sostanziale al Parlamento. Quindi la questione potrebbe essere risolta entro due settimane. Da parte europea ci vorrebbe molto più tempo. Il Consiglio e il Parlamento devono dare il loro assenso, che in teoria può richiedere tempo. Quindi il testo dovrebbe essere ratificato da tutti gli Stati membri secondo le loro disposizioni costituzionali, che possono contenere procedure accelerate. Ciò richiederebbe diverse settimane, senza dimenticare i possibili ricorsi alla Corte di giustizia.

A mio avviso, quindi, è ancora possibile continuare a parlare fino a metà novembre. A quel punto dovremo iniziare a preoccuparci. Se le due parti erano ancora in una situazione di stallo a quella data, è possibile immaginare soluzioni legali diverse. Ad esempio, l’attuazione anticipata di alcune disposizioni o la fissazione di un’entrata in vigore successiva a beneficio di determinati settori, il che equivarrebbe a prolungare il periodo di transizione. La legge fornisce una serie di soluzioni, ma è improbabile che Boris Johnson voglia entrare nei tempi supplementari.