Conte è circondatoMattarella è costretto a intervenire perché nella politica italiana si continua a navigare a vista

La scelta della tripartizione del Paese a seconda della gravità delle situazioni ha scatenato un vero e proprio mega-incidente istituzionale, sin qui sempre nell’aria ma mai esploso davvero, che ha richiesto addirittura la mediazione del Quirinale. In più il premier deve fare i conti con il malcontento del Partito democratico e la fronda delle opposizioni

Pixabay

Giuseppe Conte è circondato. Da ogni lato. Da sopra dal Quirinale, frontalmente dai partiti della maggioranza, da sotto dalle Regioni. L’avvocato che in primavera aveva l’Italia in mano adesso è un uomo guardato a vista, come si muove lo fulminano, lo mettono sotto tutela, soprattutto non si sopporta più il suo egocentrismo. Non è certo un’opposizione priva di idee a impensierirlo. 

La verità è che i problemi vengono tutti dai suoi alleati, anche da quelli che lo avevano innalzato al livello di “fortissimo punto di riferimento delle forze progressiste” (Nicola Zingaretti al Corriere della Sera, 20 dicembre 2019). Undici mesi dopo, il Pd Conte lo tollera appena, non essendoci alternative, almeno per ora. Ma quel lontano entusiasmo è via via andato spegnendosi – malgrado il residuo afflato di Goffredo Bettini – complice la debolezza dimostrata nella guerra alla pandemia durante questa tremenda seconda ondata. 

Nella quale il premier si sta dimostrando incapace di unire il Paese, inviando di continuo direttive che si sovrappongono, si smentiscono a vicenda, vengono contestate. Talmente contestate (dalle Regioni) che l’urgentissimo dpcm entrerà in vigore solo domani – non ci voleva un genio per capire che occorre un minimo di tempo per organizzarsi. Le Regioni sentono scaricare su di loro la responsabilità di dettare ai cittadini i comportamenti delle loro vite. 

La scelta della tripartizione del Paese a seconda della gravità delle situazioni ha scatenato un vero e proprio mega-incidente istituzionale, sin qui sempre nell’aria ma mai esploso davvero. Roberto Speranza, che è sempre quello che porta la croce, ha cercato di calmare le acque, tutte le decisioni saranno condivise, anche se non si capisce bene se gli automatismi previsti dal dpcm in base ai quali una regione deve entrare o uscire da una determinata fascia funzioneranno a dovere e senza innescare conflitti. 

E infatti ieri si è litigato per ore per capire quale regione stesse in quale fascia, con gli scienziati presi in mezzo fra governo e regioni, in un bailamme italiano ben più greve e pecione di quello americano.

Alla fine, nell’area rossa figurano Lombardia, Piemonte, Calabria e Valle d’Aosta: qui è lockdown totale.

Poi l’area arancione che riguarda Puglia e Sicilia ha restrizioni maggiori di quella gialla che concerne dunque la maggior parte del Paese. Nella ennesima conferenza stampa, Conte si è sostanzialmente limitato a dar conto di queste notizie: «Non abbiamo alternative».

Poi Conte, a parte l’assedio delle Regioni, è costretto a subire altre due iniziative. La prima è la verifica di governo che non si chiama così ma più blandamente “tavolo di maggioranza”, quello chiesto da Renzi e dallo stesso Zingaretti che sinora il premier era riuscito a far slittare anche grazia all’abulia degli amici grillini spariti dal dibattito pubblico e immersi nelle loro lotte interne pre-Stati generali. Ebbene stasera – sempre col  favore delle tenebre – si terrà questa riunione dei leader dei partiti della maggioranza con il presidente del Consiglio per dirsi un po’ di cose in faccia. 

Gli spin dicono che sarà una riunione solo sul Covid – che comunque è il 99% dell’attività del governo – ma è probabile che Renzi faccia qualcosa in più: qual è la linea generale, a parte incedere di dpcm in dpcm ogni 10 giorni? E sul Mes che si fa, si continua a tergiversare in attesa che Di Maio molli la presa? O il fatto che anche il ministro dell’Economia Gualtieri sia convenuto sull’opportunità di prenderli, quei benedetti 37 miliardi per la sanità, può sbloccare l’impasse? Sul rimpasto Conte ha tagliato corto dicendo che nessun partito ha posto il tema. Sarà.

Ma c’è un secondo “tavolo” che Conte dovrà accettare. È quello imposto con una certa fermezza da Sergio Mattarella che ha chiesto ai presidenti delle Camere di inventarsi uno strumento di colloquio permanente fra governo e opposizione, un colloquio che il premier amerebbe non avere dati i suoi pessimi rapporti personali con Salvini e sospettoso di un possibile clima da unità nazionale che inevitabilmente ridurrebbe il suo suo ruolo. 

Ma il Capo dello Stato ormai sa che deve intervenire personalmente per sciogliere nodi politici che Conte non sa sbrogliare da solo. Così è intervenuto prima su Bonaccini e Toti cercando di svelenire il clima fra Regioni e Palazzo Chigi e poi su Fico e Casellati per aprire un tavolo con la destra. Una supplenza politica bell’e buona. Era dai tempi di Giorgio Napolitano che non si assisteva a una cosa del genere, quando la politica era debole. Come adesso, a quanto pare.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club