L’architettura del futuroPer fondare la nuova umanità bisogna liberarsi del lockdown dello spirito, dice Carlo Ratti

Di fronte alla chiusura determinata dagli spazi digitali occorre rispondere con quelli reali. Luoghi di incontro e confronto e contatto con la realtà. È quello che fa con VITAE, edificio con cui porta la vigna in città, e collaborando al progetto “The New Humanity 2021” di Lavazza

Calendario Lavazza 2021, Martha Cooper

Più che il lockdown nelle proprie case, è da temere il «lockdown dello spirito». Per l’architetto torinese Carlo Ratti la ricerca di una nuova umanità passa attraverso la natura, la socialità e soprattutto la condivisione dello spazio fisico. È questo il senso del suo contributo al progetto artistico “The New Humanity Calendario Lavazza 2021”, raccolto nel magazine che accompagna il Calendaro. Il tutto comprende anche alcune riflessioni su VITAE, il suo piano di un edificio nel cuore di Milano con un vigneto di 200 metri e un centro di ricerca scientifico. È tecnologia, è scienza, è soprattutto la rivitalizzazione dello spazio urbano.

«Ciò che mi ha colpito e subito entusiasmato di The New Humanity 2021 è l’aspetto collaborativo», spiega a Linkiesta. «Che è poi il senso del nuovo modo post-pandemia: lavorare insieme produce comunità, è plurale».

È un’iniziativa che libera dalle cicatrici di un periodo di isolamento e chiusura. «L’architettura allora può fare molto, perché lo spazio fisico è l’antidoto alla polarizzazione dello spazio digitale».

Il riferimento è al mondo di internet, che se pure ha contribuito a mantenere le connessioni durante la quarantena, è in generale il luogo «dove si creano comunità estremiste, animate dai medesimi interessi, che si ripetono le stesse cose. È, per usare un vocabolo tecnico, il luogo dell’assortatività, quello dove i simili stanno solo con i simili». Il meccanismo di riproduzione dell’algoritmo facilità, come si è visto la generazione di idee pericolose e la loro incubazione, appunto, in comunità blindate.

Al contrario, «lo spazio fisico è quello dell’incontro, dell’inevitabilità», cioè «dove siamo costretti a confrontarci con l’individualità da cui non possiamo schermarci». Tutto il contrario. Più faticoso, forse, ma anche più sano.

Qui gli architetti hanno un ruolo. Un esempio è propro VITAE, il progetto con cui ha esplorato «il rapporto tra naturale e artificiale, cercando di far convivere nello stesso spazio la natura, appunto, e la tecnologia».

Nell’edificio che sorgerà in via Serio c’è ogni elemento che favorisce l’incontro: il sentiero verde, la passeggiata aperta al pubblico, lo spazio per una piazza. In più, c’è la vigna, «che richiama altri aspetti e temi: è legata al territorio, alla distanza tra città e campagna, alla tradizione (quindi al passato) e alla sua modernizzazione (quindi al futuro). In più introduce il rapporto con la socialità: unifica, crea appunto un senso di comunità».

E allora i tratti della nuova, prossima, umanità «somigliano a quelli della generazione dei ruggenti anni ’20: anche loro uscivano da una pandemia, la Spagnola. E anche loro avevano una grande voglia di socialità e di urbanità».

Questa è la parola chiave. Perché per Carlo Ratti «si tornerà nelle città. Non ho dubbi». Nonostante gli allontanamenti e la dispersione degli ultimi mesi, la loro forza attrattiva è ancora alta.

«Le città, si si guarda al complesso della storia dell’umanità, sono un’invenzione ancora recente: esistono da 10mila anni, ma hanno già affrontato – e superato – cataclismi di ogni genere, guerre e pandemie. E si sono sempre riprese, a dimostrazione che la voglia di stare insieme prevale ogni volta». Il simbolo di tutto questo è allora «Venezia, che ha subito crisi storiche dovute alla peste. Ma ha sempre vinto», trasformando in bellezza il suo potere di attrazione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia