Trattoria del Nuovo MacelloQuando la tradizione milanese ti bussa alla porta

Sincerità, maestria e calore possono arrivare anche a domicilio? Lo storico ristorante della famiglia Traversone non ci lascia alcun dubbio. Rigorosamente Milano style

Ristorante storico – anzi, più che storico: storicissimo! – di Milano, la Trattoria del Nuovo Macello nasce nel lontano 1928 e porta questo nome perché situata appunto di fronte all’allora nuovo macello, in quel di Calvairate. La leggenda narra che trent’anni dopo, nel 1959, il nonno di uno degli attuali soci la prese in gestione, fiutando l’ottimo affare in base all’usura della soglia: l’intuizione si sarebbe rivelata più che corretta, tanto che oggi il locale, gestito dalla famiglia Traversone, è uno dei più saldi detentori della tradizione culinaria milanese, alleggerita e rielaborata in chiave più contemporanea.

«Nella nostra trattoria ci sono ancora la vecchia radio, le brocche di ferro smaltato e anche lo spirito con cui facciamo il nostro lavoro è lo stesso: prepariamo piatti sinceri che nascono dalla selezione accurata delle materie prime e dal desiderio di esprimere l’essenza della tradizione culinaria italiana con creatività e passione», dicono Claudio, Paola e Giovanni. La domanda più che legittima è: possono la stessa sincerità, la stessa maestria e lo stesso calore essere trasmessi anche a domicilio? Una sfida non facile, va sottolineato, che però è stata abbracciata già in tempi non sospetti – leggi, da quando ai ristoranti fu concesso di fare delivery durante il primo lockdown della primavera scorsa – con risultati davvero niente male, che lasciano a bocca aperta (anzi, chiusa!) pure i più scettici.

Il menu delivery, che giustamente ha prezzi più bassi rispetto a quello della carta, si compone di antipasti, primi, secondi, contorni e dolci. Non mancano i cavalli di battaglia del Nuovo Macello (i mondeghili; il risotto allo zafferano al salto con sugo di spezzatino; la mitica cotoletta – di cui vi abbiamo già parlato qui: rigorosamente di vitello, alta, rosa all’interno, divisa in due parti, con e senza osso –; il vitello tonnato), insieme a proposte più sfiziose (il paté di fegatini, marmellata di cipolle e pane tostato; le lasagne ai porri, zucca e taleggio) e alla pasta fresca (i tagliolini freschi ai 16 tuorli). I piatti vengono consegnati freddi, sottovuoto e/o in vaschette da rigenerare, muniti di istruzioni a prova di imbranato; il pagamento può avvenire con bonifico bancario anticipato, contanti o POS alla consegna. È attiva anche un’opzione di delivery sulla piattaforma Cosaporto, con menu, prezzi e tempistiche che variano rispetto al servizio offerto direttamente dal ristorante.

Risotto al salto con sugo di spezzatino

Con l’autunno che avanza, le giornate che s’accorciano, i malumori e la pandemia, i piatti della trattoria della famiglia Traversone si rivelano perfetti per concedersi una cena esattamente come se si fosse al ristorante, magari annaffiata da una buona bottiglia di rosso (che tanto nessuno deve guidare). Per i nostalgici, imperdibile la cotoletta, realizzata seguendo il compendio del 1855 dell’esperienza gastronomica di Giuseppe Sorbiatti, La gastronomia moderna: tenera, scioglievole e succosa, a casa così come a un tavolo di via Cesare Lombroso.

Quando: Ordini entro le 12 della stessa giornata con consegna dalle 17 alle 19; ordini entro sabato alle 20 con consegna dalle 11 alle 12:30 della domenica.

Quanto: 5 euro per consegna a Milano.

Come: dal sito o WhatsApp 348 5890413, specificando cognome, indirizzo, citofono, numero di telefono, tipo di pagamento preferito.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia