Menzione specialeIrene Tinagli è la deputata europea dell’anno

In questo 2020 la presidente della Commissione Problemi economici e monetari del Parlamento europeo si è fatta notare per la sua personale fatica di Sisifo: smontare tutte le bufale sull’euro e il Meccanismo europeo di stabilità in ogni incontro televisivo, webinar e tweet. Decisivo anche il suo apporto nel negoziato per evitare i tagli ai finanziamenti europei

LaPresse
Irene Tinagli ha scelto uno dei mestieri più difficili del mondo: smontare una a una tutte le bufale e le teorie del complotto sull’euro e l’Unione europea. In un Paese come l’Italia in cui la polemica sterile è una forma d’arte, tentar l’impresa sembra paragonabile a svuotare l’oceano con un cucchiaino. Ma Tinagli ha svolto la sua fatica di Sisifo in ogni intervista, intervento televisivo, webinar e tweet con la pazienza del tecnico e l’empatia di chi sa che far capire la complessità dell’Europa non è semplice. La sua specialità è spiegare ai sovranisti come funziona davvero la linea di credito speciale per le spese sanitarie del Meccanismo europeo di stabilità.
Dal 2019 ricopre uno dei ruoli più influenti a Bruxelles: la presidenza della Commissione Problemi economici e monetari del Parlamento europeo. Già, problemi economici. Tradotto: molto potere, moltissime grane e un lavoro di mediazione continua con gli eurodeputati. Se fatto male un lavoro del genere può stroncare sul nascere una carriera promettente, se svolto bene può portare molto in alto. Non a caso il suo predecessore, Roberto Gualtieri, è diventato ministro dell’Economia.
Il 2020 di Tinagli non poteva essere più impegnativo: il Parlamento europeo ha dovuto negoziare con la Commissione e il Consiglio Ue il nuovo bilancio pluriennale dell’Unione 2021-2027 da 1074,3 miliardi di euro collegati ai 750 miliardi del NextGenerationEu. Nell’accordo di luglio il Consiglio europeo aveva tagliato alcuni programmi importanti dalla ricerca alla salute all’Erasmus fino a InvestEu di cui Tinagli era relatrice. Anche grazie a lei il Parlamento ha trovato un accordo per recuperare 16 miliardi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia