L’Europa è donnaCosa fanno le eurodeputate italiane per garantire la parità di genere

Linkiesta ed Europea lanciano un podcast dedicato alle azioni del Parlamento europeo per ridurre le disuguaglianze tra i due sessi. Nel primo episodio, Pina Picierno (Pd) e Isabella Tovaglieri (Lega) parlano della nuova Strategia della Commissione discussa nella sessione plenaria di gennaio

Unsplash

Linkiesta lancia il suo nuovo podcast: L’Europa è donna. Un mini ciclo di tre puntate per far conoscere il lavoro delle eurodeputate italiane a favore della parità di genere. In questa prima puntata abbiamo intervistato Pina Picierno del Partito democratico e Isabella Tovaglieri della Lega. Entrambe fanno parte di FEMM la Commissione per i diritti delle donne e l’uguaglianza di genere del Parlamento europeo.

Ascolta “L’Europa è donna – La strategia Ue per la parità di genere (Ospiti Pina Picierno e Isabella Tovaglieri)” su Spreaker.

Non si parla spesso delle Commissioni del Parlamento europeo, un luogo dove gli eurodeputati e le eurodeputate hanno la possibilità di incidere molto di più rispetto al semplice voto in plenaria: negoziano con il Consiglio, organizzano audizioni con esperti e approvano delle relazioni di iniziativa da approvare poi in Aula,

Proprio tre relazioni redatte dalla Commissione FEMM saranno discusse durante la sessione plenaria del Parlamento europeo del 18-21 gennaio:  Una sulla strategia dell’Unione europea per la parità di genere, un’altra sulla prospettiva di genere nella crisi COVID-19 e nel periodo successivo alla crisi, e un’altra ancora su come colmare il divario digitale di genere.

Alle due eurodeputate abbiamo chiesto la loro opinione sulla strategia Ue (Picierno ha votato a favore, Tovaglieri si è astenuta), come si può colmare concretamente il divario digitale di genere e una loro azione rappresentativa a favore della parità di genere in questa legislatura.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia