L’Europa è donnaCosa fanno le eurodeputate italiane per garantire la parità di genere

Linkiesta ed Europea lanciano un podcast dedicato alle azioni del Parlamento europeo per ridurre le disuguaglianze tra i due sessi. Nel primo episodio, Pina Picierno (Pd) e Isabella Tovaglieri (Lega) parlano della nuova Strategia della Commissione discussa nella sessione plenaria di gennaio

Unsplash

Linkiesta lancia il suo nuovo podcast: L’Europa è donna. Un mini ciclo di tre puntate per far conoscere il lavoro delle eurodeputate italiane a favore della parità di genere. In questa prima puntata abbiamo intervistato Pina Picierno del Partito democratico e Isabella Tovaglieri della Lega. Entrambe fanno parte di FEMM la Commissione per i diritti delle donne e l’uguaglianza di genere del Parlamento europeo.

Ascolta “L’Europa è donna – La strategia Ue per la parità di genere (Ospiti Pina Picierno e Isabella Tovaglieri)” su Spreaker.

Non si parla spesso delle Commissioni del Parlamento europeo, un luogo dove gli eurodeputati e le eurodeputate hanno la possibilità di incidere molto di più rispetto al voto in plenaria: negoziano con il Consiglio, organizzano audizioni con esperti e approvano delle relazioni di iniziativa da approvare poi in Aula.

Proprio tre relazioni redatte dalla Commissione FEMM saranno discusse durante la sessione plenaria del Parlamento europeo del 18-21 gennaio:  Una sulla strategia dell’Unione europea per la parità di genere, un’altra sulla prospettiva di genere nella crisi COVID-19 e nel periodo successivo alla crisi, e un’altra ancora su come colmare il divario digitale di genere.

Alle due eurodeputate abbiamo chiesto la loro opinione sulla strategia Ue (Picierno ha votato a favore, Tovaglieri si è astenuta), come si può colmare concretamente il divario digitale di genere e una loro azione rappresentativa a favore della parità di genere in questa legislatura.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia