Il calcio contro i sovranismiLa Super Lega accelera il processo di integrazione europea più della politica

Il tifo calcistico non diminuirà, a livello economico aumenteranno i ricavi, e i campionati nazionali resteranno attivi ma con un ruolo più marginale. È l’inizio di di un percorso che porterà a sentire come naturale la dimensione sovranazionale. Passando dal campo prima che dai parlamenti e dai burocrati

Pixabay

L’annuncio della Super Lega Europea (Esl) è un evento che avrà conseguenze oggi ancora non immaginate. I più dibattono sul tema con le classiche chiavi di lettura della passione sportiva o del business. Si tratta di discussioni piuttosto sterili e anche inutili.

Il tifo calcistico non diminuirà, anzi sarà incrementato dalla suggestione generata dalla ricchezza “hollywoodiana” che circonderà la Esl. In realtà, la passione sportiva evolve come evolvono i costumi. Fino a non troppi anni fa le partite si potevano vedere solo negli stadi e i giocatori si “sposavano” con una squadra che abbandonavano per “appendere le scarpe al chiodo” o per scendere di categoria quando le forze diminuivano.

Ora, invece, il calcio è fruito attraverso gli schermi da milioni di tifosi che non hanno mai messo piede in uno stadio, mentre i calciatori, spinti dal potere del denaro, cambiano club quasi ogni stagione.

Se poi affrontiamo la questione sul piano economico e aziendale, le recriminazioni contro la Super Lega sono ancora più prive di significato: come può non realizzarsi un accordo che, solo con i diritti televisivi, garantisce ai club protagonisti cifre superiori ai loro attuali fatturati? Insomma, la Super Lega si farà, e anche velocemente.

Certamente vi sarà una reazione da parte delle istituzioni calcistiche (Uefa e Fifa) che sono strutturate nei tradizionali schemi verticisti e internazionalisti. Tuttavia, le attuali “parole grosse” (a cui si accodano molti leader politici dallo sguardo miope) ben presto si attenueranno per trovare ragionevoli punti di coesistenza col nuovo scenario.

Probabilmente, i calciatori delle squadre in Esl verranno esclusi dalle competizioni dedicate alle Nazionali (che diverranno il fortino residuale dei sopracitati poteri tradizionali), mentre è impensabile che le Federazioni dei singoli Paesi escludano i grandi club di Esl dai loro campionati nazionali.

In realtà, alle competizioni organizzate dalla Uefa (Champions League, Europa League e Conference League) restano ancora tanti club rilevanti su cui impostare le strategie di successo delle proprie competizioni. Verrà ridotta la rendita di posizione derivante dai 15/20 grandi club europei, ma lavorando bene la Uefa potrà mantenere competitivi e economicamente vantaggiosi i propri tornei.

La sostanza della questione si riferisce alla “scala dimensionale” del calcio: a livello europeo tutti guadagneranno, mentre i campionati delle singole nazioni perderanno radicalmente significato e risorse. Presto si arriverà a giocare le competizioni europee nel fine settimana e la Serie A nei giorni feriali.

Questo è ciò che accadrà all’interno del calcio, ma se guardiamo a ciò che sta succedendo in una chiave storica più generale, allora emerge una domanda di fondo: «Cosa è questa, se non una vittoria dell’europeismo sui sovranismi?».

D’altronde, se il calcio è uno dei principali vettori di passioni e interessi, è lecito aspettarsi che esso “faccia la storia” più delle velleitarie dichiarazioni di una politica ormai sempre più marginale rispetto ai trend globali. Quando transita la storia, i soggetti forti la vedono, mentre quelli deboli restano concentrati sul passato.

La Esl (con tutte le sue conseguenze) è proprio l’innesto fondamentale di un processo europeista che finalmente porterà a sentire come naturale la dimensione sovranazionale. Senza bisogno di guerre e generali o di parlamenti e burocrati. Solo con il calcio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia