«A proudly elitist publication»Il New York Times celebra il nostro Francesco Lepore e il suo blog in latino su Linkiesta

Il quotidiano piu autorevole del mondo dedica il profilo del sabato alla «odissea di un esperto di latino, dal Vaticano al movimento per i diritti dei gay» che scrive per il nostro giornale. Nell’articolo firmato da Jason Horowitz si parla della continua sfida allo status quo del nostro giornalista, del suo prossimo libro sul delitto di Giarre e del successo di “O tempora, o mores”, che tra gli estimatori ha anche il presidente di El Salvador

Pixabay

«His deep knowledge of the church led to articles in an anti-populist and proudly elitist publication». Così il New York Times celebra nel suo profilo del sabato il lavoro del nostro giornalista Francesco Lepore che da mesi ha inaugurato il suo blog in latino “O tempora, o mores” su Linkiesta e commenta per noi le notizie legate al Vaticano e al mondo Lgbti (l’ultimo articolo sulla reazione dell’Europa all’anacronistica censura dell’omosessualità in Ungheria).

Nell’articolo firmato da Jason Horowitz si racconta «l’odissea di un esperto di latino, dal Vaticano al movimento per i diritti dei gay». Nel suo appartamento di Palermo, Lepore racconta al quotidiano statunitense come la sua profonda conoscenza del latino e la fede lo hanno portato da una piccola città del sud Italia fino alla soglia del palazzo apostolico. «La sua bruciante esperienza vaticana lo ha portato in prima linea il movimento per i diritti dei gay come direttore di GayNews.it e, questo mese, autore di “Delitto di Giarre”, (qui un articolo su Linkiesta del novembre 2020) un libro che indaga sull’omicidio decennale di una coppia siciliana che ha aiutato innescare il movimento per i diritti dei gay in Italia», si legge nell’articolo.

Il New York Times parla anche del blog in latino di Lepore: «A marzo, ha scritto di come “Ioseph Biden” fosse d’accordo con l’idea che “Vladimirus Putin” fosse “pro homicida habet” o un assassino. Questo mese, il suo articolo sull’adozione del bitcoin – “bitus nummarius” – come moneta a corso legale in El Salvador è stato ritwittato dal presidente di quel paese».