La schiena di GinoCorea del Nord, il «Grande gioco» di Kim

«Ora andrò lontano su al Nord, a giocare al Grande gioco». Nel romanzo Kim del 1901, lo scrittore britannico Rudyard Kipling racconta la storia di un giovane tredicenne che nell'India coloniale de...

«Ora andrò lontano su al Nord, a giocare al Grande gioco». Nel romanzo Kim del 1901, lo scrittore britannico Rudyard Kipling racconta la storia di un giovane tredicenne che nell’India coloniale del XIX secolo si barcamena tra intrighi e spie. Lo sfondo delle avventure di Kim è l’intricato scontro di potere tra servizi segreti inglesi e russi per il controllo dell’Asia Centrale. Il piccolo orfano si trova invischiato in quello che un ufficiale dell’esercito britannico, Arthur Connolly, morto tragicamente a Bukhara qualche anno dopo, definì come il «Grande gioco» (reso celebre dall’omonimo romanzo storico di Peter Hopkirk).

Seppur il quadrante geopolitico e le condizioni storiche siano anche profondamente cambiate, il trentenne Supremo Leader della Corea del Nord è impegnato in questi giorni in una serie di forti provocazioni nei confronti della comunità internazionale. Kim Yong Un ha iniziato il suo «Grande gioco». Nel quale sembra davvero divertirsi, a differenza delle principali potenze internazionali. Non solo Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud mostrano preoccupazione per una tale situazione, ma anche Cina e Russia iniziano a mostrare non pochi malumori verso il giovane dittatore nordcoreano.

Molto probabilmente, gli allarmi e le bellicose dichiarazioni rientreranno appenaKim Yong Un sarà riuscito a rafforzare la propria autorità all’interno del regime, in particolare di fronte alle alte gerarchie dell’esercito. La dittatura comunista, infatti, rischierebbe soltanto di crollare in brevissimo tempo, qualora dovesse insorgere un casus belli che determini un attacco di risposta da parte giapponese o americana. Certo è, però, che l’imprevedibile – ma, non per questo, meno razionale – comportamento di Kim Yong Un potrebbe determinare una pericolosa escalation. Un’escalation preoccupante proprio perchè, riproponendo dinamiche internazionali che già si erano vissute in Asia Centrale nell’Ottocento, potrebbe destabilizzare un sub sistema regionale tanto cruciale, quanto già segnato da forti tensioni e rivalità.

Il «Grande gioco» raccontato da Kipling e Hopkirk non è frutto di immaginazione letteraria. Proprio come quello a cui sta giocando il dittatore nordcoreano. Ma, sinceramente, non è desiderabile che il nuovo Kim diventi protagonista di qualche futuro romanzo storico o d’avventura.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta