Blog di

di Davide Mauro

Lo strano insediamento di Monti

Blog post del 14/11/2011

Dopo le urla e i festeggiamenti per il crepuscolo di Berlusconi si apre un'altra pagina, quella di Mario Monti. Una pagina che per alcuni versi rassicura e per altri preoccupa. Rassicura il fatto che sicuramente un tecnico del suo calibro agirà toccando quei provvedimenti che nessun governo politico ha il coraggio di promuovere. Ma non convince l'intera operazione istituzionale...

Monti è come sappiamo un Bilderberg ma anche un membro di spicco della Commissione Trilaterale con legami con la banca Goldman Sachs, insomma un uomo che esprime il volere dell'alta finanza e quell'indole neoliberista che continua a mietere diseguaglianze nel mondo. Il suo insediamento somiglia tanto a un intervento concordato dall'esterno, atto a riacciuffare la situazione economica italiana dopo l'incapacità del governo Berlusconi. Lo dimostrano alcune anomalie: un Berlusconi troppo cedevole nella resa, una designazione fin troppo chiara da giorni, le telefonate di Obama e Sarkozy a Napolitano e la promozione tattica a senatore a vita.
Tutto appare davvero strano, perché l’autorità di Napolitano è stata fin troppo imposta ai partiti (in genere ha avuto un’indole istituzionale piuttosto timida) che semmai sembrano aver accettato l'indicazione del presidente della Repubblica. E poi le rapidissime consultazioni, quasi una mera formalità, seguite da un altrettanto rapido incarico di Governo. Non credo sia solo emergenza nazionale, era tutto già concordato…

L’impressione è quella espressa da molti commentatori, quella di un commissariamento della finanza per attuare misure dolorose. Lo stesso gioco è avvenuto in Grecia con il cambio di governo e l'insediamento di Papademos, anch'egli membro della Commissione Trilaterale e vice presidente della BCE. Il che significa che laddove vi sono delle difficoltà economiche, sono gli stessi banchieri a riaggiustare le cose… Mai come in questa occasione l'impressione netta è quella che il ruolo dei cittadini sia inessenziale. In Grecia è stata zittita la proposta di referendum sulle misure economiche, in Italia si piazza un presidente del Consiglio sponsorizzato da nazioni straniere (quale felicità per Obama, e per i leader europei!). E dunque la resa dei politicanti locali che probabilmente al di fuori del nostro orticello provinciale, appaiono stupidi e inconcludenti, molto più di come li valutiamo noi.

Ciò che spaventa è la sempre maggiore forzatura democratica esercitata da forze estranee o straniere. Ciò che spaventa è l’inconsapevolezza della società civile, l’ignoranza diffusa su quello che sono e che valgono i potenti che ci amministrano. Insomma, il dopo Berlusconi non sembra essere stato risolto dagli italiani stessi ma da pressioni esterne, da movimenti che desiderano un’Italia più europea, allineata a certe logiche che non ci rendano la pecora nera del continente.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un militante filocurdo italiano è stato ferito al confine tra Kurdistan e Siria

Si chiama Alessandro De Ponti, ha 23 anni e non è in pericolo di vita

Varoufakis: «Quello che i creditori stanno facendo è terrorismo»

Il ministro delle Finanze greco alza i toni alla vigilia del referendum sull’accordo con Bce, Ue e Fmi

Grecia, confronto di piazza fra No e Sì. Tsipras: “tagliate il debito del 30%”

Il premier greco: “Oggi è la festa della democrazia, che ritorna in Europa”. Banche: da lunedì liquidità a rischio

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

I consigli di Bolaño per chi vuole scrivere racconti

Dodici comandamenti di scrittura che si rivelano, a parte i primissimi, degli ottimi consigli di lettura

La campagna turistica pro-Tunisia, per far dimenticare la paura

Dopo gli attacchi al Bardo e al resort di Sousse le prenotazioni sono crollate. La Tunisia è in difficoltà. E c’è chi reagisce così

Quando per vedere l’Inferno di Dante si andava al cinema

Fu il primo vero lungometraggio (muto) italiano. Tema classico, ma con alcune variazioni. Fu un successo epocale

La storia tragica dell’uomo che non volle salutare Hitler

Accadde in occasione dell’inaugurazione di una nave. A tenere le braccia conserte fu August Landmesser, e aveva i suoi buoni motivi

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale