Blog di

di Antonio Aloisi

A Lecce, dove un tronista corre per la poltrona di consigliere comunale

Blog post del 27/04/2012

Uomini e donne (non necessariamente in quest'ordine) sono avvisati: “Per info contattatemi al cellulare”. La nuova frontiera del piacionismo in politica si inaugura a Lecce città, dove a breve si rinnoverà l'assise comunale. Corre anche Giovanni Conversano, ex tronista di Maria de Filippi e già concorrente del reality Campioni. Salentino verace, in spregio del cognome, oggi è in lista per il partito di Casini, a sostegno di Luigi Melica - candidato sindaco e docente universitario.

«Me lo ha chiesto Cesa in prima persona - Conversano stesso racconta le ragioni del nuovo impegno - ho accettato perchè condivido valori e posizioni del partito di Centro ma, soprattutto, credo nell'impegno dell'Udc per i giovani. La pragmaticità del progetto mi ha convinto, sono pronto a mettermi in gioco senza paura ed accettare questa nuova sfida». Ah, giusto per pignoleria: il manifesto è abusivo (a questo link una bella campagna contro chi imbratta le città).



Per la cronaca, il Terzo Polo a Lecce si è liquefatto, corsa in solitaria per l'Unione di Centro - accompagnata dal movimento di Pionati (do you remember?) e da una lista locale ispirata da un consigliere regionale, oltre che dall'ApI di Rutelli (il cui simbolo, però, non è sulle schede elettorali). Il partito di Fini, Futuro e Libertà, ha scelto una partita comoda, accasandosi nella coalizione del sindaco uscente. Reso noto ale cronache nazionali per via di questa locandina:

 
Poche settimane fa, Perrone si è beccato una sonora tirata d'orecchie nientepopodimenoche dall'Elefantino, al secolo Giuliano Ferrara. Il sindaco aveva spigato che si trattava di una trovata pop, realizzata esclusivamente a beneficio delle sue pagine web sui social network. Il direttore de Il Foglio si era indispettito ed aveva tuonato, senza appello, contro la piacioneria spinta: 

È come il Cav., ma all’ennesima potenza. E’ come il Cav., ma lui si è pure pubblicamente smutandato – mica solo a chiacchiere intercettate. Ti scruta con sguardo malandrino: “Ciao, casalinga leccese”, che alla signora potrebbe pure sobbalzare qualche ormone, mentre di sicuro sul fuoco sobbalza la tiella di cozze e patate. “Sono Paolo”, e forse cominciano a bollire insieme sensi e lampascioni, quasi come sentirsi evocare con voce roca e bene intenzionata nel tinello: “Ciao, pupa…”

Paolo è da intendere Perrone, sindaco uscente e candidato del centrodestra a Lecce, una sorta di Cav. sfrontato, di Silvio al cubo, “il vorrei ma non posso” mutato in “posso e lo faccio”: in piena era di tecnici e sobrietà una sorta di piacevole eversione dal senso comune. Per le amministrative si è fatto ritrarre su un manifesto, aria mandrilla, petto scamiciato e naso alla Cyrano personaggio cui certe credenze dibattute su Internet attribuiscono appropriate corrispondenze.

Invece di perdersi in chiacchiere da politicante, deve aver tratto ispirazione dagli annunci matrimoniali di una volta: “Alto, brizzolato, slanciato, tennista” – magari più che consenso mira a generare arrapamento. E non solo, “cucino, lavo, stiro, apparecchio”, ché pure il Cav., musa ispiratrice, si propose un dì quale ideale “donnino di casa”. Quindi: “Astenersi perditempo”, con tocco finale non di gran classe seppure di generosa apertura a sinistra: “Ps: si accettano anche comuniste”.

COMMENTI /

Ritratto di anonimo
Ven, 27/04/2012 - 19:20
anonimo
ma non è lo stesso che ha fatto un calendario per la ragazzina uccisa qualche anno fa?
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 29/04/2012 - 10:54
Prossimamente su questi schermi * Governi politici in mano a troniste e veline* Sarà questa la fine che farà l'Italia? Gli scandali che imperversano fra i vari partiti non bastano agli Italiani per capire che è ora di finirla con Governi di *guitti,veline,puttanoni e consimili* ? E' evidente che per alcuni milioni di Italinani ,i quali si ritrovano al bar a commentare gli scandali dei furti ripetuti ai loro danni da politici arruffoni , correi trasversalmente, discutono solo per perdere ,senza vero sdegno. A questo punto mi chiedo "cosa aspetta quella parte buona ,(seppur minima) a prendere forconi e randelli in mano per fare *piazza pulita* "
SHARE
Ritratto di Bemporad11
Mar, 01/05/2012 - 12:37
Bemporad11
L'elefantino è sempre l'elefantino.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Indagato direttore Musei Vaticani

Paolucci coinvolto come ex sovrintendente polo museale Firenze

Napolitano: «Contro la crisi servono politiche coraggiose»

Il discorso del presidente della Repubblica per l’apertura dell’anno scolastico

La Corte di Strasburgo smentisce Berlusconi: «Non abbiamo accolto il ricorso»

Lo ha dichiarato all'Ansa l'ufficio stampa della Corte, specificando che i ricorsi sono stati solo registrati

Tre modi creativi (e pacifici) per utilizzare i droni

Non servono solo a lanciare bombe e sorvegliare i civili: si possono rivelare utili per buone cause
SHARE

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE

Guida completa all’uso intelligente delle vitamine

Quali sono, che proprietà hanno e dove si trovano. Tutto spiegato qui, in un’infografica
SHARE

Per tradurre l’intraducibile basta ricorrere all’arte

Wordstuck è una serie di GIF che rappresenta con disegni parole straniere senza corrispondenti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le tombe dei soldati che testimoniano il coinvolgimento della Russia in Ucraina

Il New York Times racconta di giovani ufficiali russi seppelliti nell’agosto 2014. La prova che hanno combattuto in Ucraina

Kentucky, vigile del fuoco muore dopo un ice bucket challenge

Tony Grider stava versando secchi d’acqua ghiacciata sugli studenti dell’Università di Campbellsville quando la gru ha toccato i fili dell’alta tensione

Perché le ragazze rendono meglio dei ragazzi a scuola

Per molti è un mito da sfatare, ma secondo uno studio il gentil sesso tra i banchi di scuola ha una marcia in più