Blog di

di Antonio Aloisi

A Lecce, dove un tronista corre per la poltrona di consigliere comunale

Blog post del 27/04/2012

Uomini e donne (non necessariamente in quest'ordine) sono avvisati: “Per info contattatemi al cellulare”. La nuova frontiera del piacionismo in politica si inaugura a Lecce città, dove a breve si rinnoverà l'assise comunale. Corre anche Giovanni Conversano, ex tronista di Maria de Filippi e già concorrente del reality Campioni. Salentino verace, in spregio del cognome, oggi è in lista per il partito di Casini, a sostegno di Luigi Melica - candidato sindaco e docente universitario.

«Me lo ha chiesto Cesa in prima persona - Conversano stesso racconta le ragioni del nuovo impegno - ho accettato perchè condivido valori e posizioni del partito di Centro ma, soprattutto, credo nell'impegno dell'Udc per i giovani. La pragmaticità del progetto mi ha convinto, sono pronto a mettermi in gioco senza paura ed accettare questa nuova sfida». Ah, giusto per pignoleria: il manifesto è abusivo (a questo link una bella campagna contro chi imbratta le città).



Per la cronaca, il Terzo Polo a Lecce si è liquefatto, corsa in solitaria per l'Unione di Centro - accompagnata dal movimento di Pionati (do you remember?) e da una lista locale ispirata da un consigliere regionale, oltre che dall'ApI di Rutelli (il cui simbolo, però, non è sulle schede elettorali). Il partito di Fini, Futuro e Libertà, ha scelto una partita comoda, accasandosi nella coalizione del sindaco uscente. Reso noto ale cronache nazionali per via di questa locandina:

 
Poche settimane fa, Perrone si è beccato una sonora tirata d'orecchie nientepopodimenoche dall'Elefantino, al secolo Giuliano Ferrara. Il sindaco aveva spigato che si trattava di una trovata pop, realizzata esclusivamente a beneficio delle sue pagine web sui social network. Il direttore de Il Foglio si era indispettito ed aveva tuonato, senza appello, contro la piacioneria spinta: 

È come il Cav., ma all’ennesima potenza. E’ come il Cav., ma lui si è pure pubblicamente smutandato – mica solo a chiacchiere intercettate. Ti scruta con sguardo malandrino: “Ciao, casalinga leccese”, che alla signora potrebbe pure sobbalzare qualche ormone, mentre di sicuro sul fuoco sobbalza la tiella di cozze e patate. “Sono Paolo”, e forse cominciano a bollire insieme sensi e lampascioni, quasi come sentirsi evocare con voce roca e bene intenzionata nel tinello: “Ciao, pupa…”

Paolo è da intendere Perrone, sindaco uscente e candidato del centrodestra a Lecce, una sorta di Cav. sfrontato, di Silvio al cubo, “il vorrei ma non posso” mutato in “posso e lo faccio”: in piena era di tecnici e sobrietà una sorta di piacevole eversione dal senso comune. Per le amministrative si è fatto ritrarre su un manifesto, aria mandrilla, petto scamiciato e naso alla Cyrano personaggio cui certe credenze dibattute su Internet attribuiscono appropriate corrispondenze.

Invece di perdersi in chiacchiere da politicante, deve aver tratto ispirazione dagli annunci matrimoniali di una volta: “Alto, brizzolato, slanciato, tennista” – magari più che consenso mira a generare arrapamento. E non solo, “cucino, lavo, stiro, apparecchio”, ché pure il Cav., musa ispiratrice, si propose un dì quale ideale “donnino di casa”. Quindi: “Astenersi perditempo”, con tocco finale non di gran classe seppure di generosa apertura a sinistra: “Ps: si accettano anche comuniste”.

COMMENTI /

Ritratto di anonimo
Ven, 27/04/2012 - 19:20
anonimo
ma non è lo stesso che ha fatto un calendario per la ragazzina uccisa qualche anno fa?
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 29/04/2012 - 10:54
Prossimamente su questi schermi * Governi politici in mano a troniste e veline* Sarà questa la fine che farà l'Italia? Gli scandali che imperversano fra i vari partiti non bastano agli Italiani per capire che è ora di finirla con Governi di *guitti,veline,puttanoni e consimili* ? E' evidente che per alcuni milioni di Italinani ,i quali si ritrovano al bar a commentare gli scandali dei furti ripetuti ai loro danni da politici arruffoni , correi trasversalmente, discutono solo per perdere ,senza vero sdegno. A questo punto mi chiedo "cosa aspetta quella parte buona ,(seppur minima) a prendere forconi e randelli in mano per fare *piazza pulita* "
SHARE
Ritratto di Bemporad11
Mar, 01/05/2012 - 12:37
Bemporad11
L'elefantino è sempre l'elefantino.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Quindici peshmerga curdi uccisi da un kamikaze dell’Isis vicino a Mosul

È accaduto nei presi della diga di Mosul, riconquistata dai miliziani curdi lo scorso 7 agosto

Pistorius condannato a cinque anni di carcere

L'atleta paralimpico è stato condannato dal tribunale di Pretoria per l'uccisione della fidanzata

Un terzo degli ospedali nella lista degli sprechi. Persi 4 miliardi all’anno

In Valle d’Aosta, Toscana e Trentino le performance migliori. Male Campania, Calabria, Puglia e, a sorpresa, l’Alto Adige

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE

Come cambiare abitudini e svegliarsi presto

Chi sta sveglio la notte poi non produce. Ecco come cambiare ritmi e ingranare la giornata al meglio
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“