Babbo Natale d’ora in poi sarà nero e omosessuale

Un nuovo libro per bambini presenta una versione inedita di Santa Claus: africano, gay e sposato con un altro barbuto bianco, con cui vive tante avventure coniugali

Dal politicamente corretto non esiste più scampo. Ora in America il vecchio Babbo Natale non è più bianco, bensì nero. Ed è fidanzato con un altro Babbo Natale, stavolta bianco, con cui forma una famiglia arcobaleno. È la nuova revisione delle tradizioni natalizie, stavolta illustrata in un libro per bambini (ma forse è più per adulti) intitolato Santa’s Husband, scritto dal comico Daniel Kibblesmith ed edito da HarperCollins.

Tutto nasce da un vecchio dibattito sul colore della pelle di Babbo Natale. Alcuni giornalisti come Aisha Harris, di Slate, da anni portano avanti tentativi di rebranding del vecchio amico dei bambini: non deve più, per forza, essere un vecchio barbuto e bianco. La sua soluzione, anche simpatica, è stata trasformare Santa Claus in un pinguino (nero). Una scelta che ha suscitato le ire di Fox News, con la frase definitiva dell’opinionista conservatrice Megyn Kelly: “Babbo Natale è quello che è. Cioè è bianco”. (Il fatto che fosse un santo cristiano e non un animale del Polo Sud era meno importante).

Finisce qui? Certo che no. Nel dibattito si inserisce proprio Kibblesmith, con un tweet molto chiaro: “Mio figlio [all’epoca non era ancora nato] non conoscerà nessun Babbo Natale bianco. Per lui sarà nero. E se ne vedrà uno bianco, allora gli diremo “Quello è suo marito”. Nero e gay, insomma. L’idea convince gli editori e nel giro di qualche mese nasce il nuovo libro, pronto per essere distribuito nelle case dell’America liberal.

Perché va così: negli Usa le tradizioni dei bianchi devono essere riscritte dagli stessi bianchi per venire incontro a desideri e richieste che i neri non hanno mai espresso. Le altre richieste (non essere discriminati sul lavoro, non essere uccisi dai poliziotti) vengono trascurate in tutta tranquillità.

Del resto, sono maestri per ridurre a parodia i problemi seri e, di conseguenza, smettere di occuparsene. Negli Usa perfino la formula usata dalla Casa Bianca per fare gli auguri alla nazione si carica di significati politici. L’ex presidente Barack Obama aveva scelto un neutro “Season’s Greetings”, per non scontentare le minoranze non cristiane. Il bianchissimo Donald Trump, al contrario, ha restaurato un fiero “Merry Christmas and a Happy New Year”, per ricordare a tutti che il Natale, in origine, è una festa cristiana. Solo dopo è diventato una campagna di content marketing della Coca-Cola.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta