Idee nuoveNiente spreco di acqua, nessun composto chimico: tingere i tessuti diventa green

L’innovazione appartiene a un’azienda olandese, che ha implementato un sistema in cui al posto dell’acqua si utilizza la Co2. E funziona eccome

L’acqua non viene più sprecata. Anzi, nemmeno utilizzata. Le scorie chimiche diminuiscono. Anzi, quasi spariscono. Il miracolo di un’azienda olandese che ha inventato un nuovo modo per tingere i tessuti è tutti qui: una tecnologia innovativa che contribuisce a salvare l’ambiente.

Anziché utilizzare l’acqua (è noto che ogni anno, solo per il processo di colorazione, l’industria dell’abbigliamento ne sprechi miliardi: per un chilo di tessuti, vanno via 150 litri d’acqua, si fa uso di una tecnica basata sull’anidride carbonica pressurizzata, che permette alle tinte di dissolversi in poco tempo e penetrare il tessuto. Il tutto senza utilizzare acqua e altre sostanze chimiche.

Ogni macchina, si è calcolato, salva circa 32 milioni di litri ogni anno, ed evita l’utilizzo di 170 tonnellate di agenti chimici per la colorazione. In più, il processo è più rapido e impiega meno energia. Insomma, inquinare di meno conviene anche a chi produce.

Anche la CO2 utilizzata non viene dispersa nell’ambiente: il macchinario utilizza un sistema chiuso che permette di riciclare, alla fine di ogni ciclo di colorazione, almeno il 95% dell’anidride carbonica.

Il sistema, verde e innovativo, ha subito attirato l’attenzione di aziende produttrici di tessuti (anche sportivi) e potrebbe (almeno quanto dice questo filmato promozionale) cambiare tutta l’industria. E non sarebbe male.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta