Cambio al verticeVerdelli lascia Repubblica e Molinari lo sostituisce. Giannini alla Stampa

Nasce il nuovo cda di Gedi: John Elkann è il presidente, come amministratore delegato è stato scelto Maurizio Scanavino, da dicembre 2019 direttore generale. Confermati nel ruolo di consiglieri Marco De Benedetti, Carlo Perrone e Giacaranda Caracciolo

Miguel MEDINA / AFP

I due principali quotidiani del gruppo Gedi, la Repubblica e La Stampa, cambiano direttore. Saranno rispettivamente Maurizio Molinari – attuale direttore de La Stampa – a prendere il posto di Carlo Verdelli, direttore di Repubblica dal 19 febbraio 2019, e Massimo Giannini ad assumere la direzione del quotidiano piemontese e dei giornali locali.

Il nuovo consiglio di amministrazione del Gruppo GEDI ha ufficializzato anche le nomine: come presidente avrà John Elkann e come amministratore delegato Maurizio Scanavino, da dicembre 2019 direttore generale. Confermati nel ruolo di consiglieri Marco De Benedetti, Carlo Perrone e Giacaranda Caracciolo.

Carlo Verdelli lascia quindi dopo poco più di un anno, dopo aver sostituito Mario Calabresi. Negli ultimi mesi l’ex direttore di Repubblica, che nel corso della sua carriera ha assunto incarichi di rilievo anche nelle redazioni di Vanity Fair e della Gazzetta dello Sport, era stato vittima di una campagna intimidatoria da parte di utenti anonimi.

Maurizio Molinari, direttore de La Stampa dal primo gennaio 2016, prenderà il suo posto. Molinari lavora per il giornale piemontese dal 1997, per cui per oltre un decennio (2001-2014) è stato corrispondente da New York, successivamente da Bruxelles e infine da Gerusalemme. Ha scritto anche su testate come L’Indipendente (di cui è stato capo della redazione romana), L’Opinione, Il Tempo, Il Foglio, Panorama.

Per Massimo Giannini, giornalista del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari da oltre 10 anni e alla guida di Radio Capital da settembre 2018, si tratta invece di un ritorno. A La Stampa aveva collaborato in passato. Già editorialista e redattore capo della sezione politica, era stato anche vicedirettore di Repubblica, di cui dal 2007 dirige il supplemento del lunedì Affari e Finanza. Dal settembre 2018 era direttore di Radio Capital.

Infine, Mattia Feltri, giornalista de La Stampa per cui cura la rubrica quotidiana Buongiorno, è stato nominato direttore di HuffPost.