Come Super Mario BrosC’è un videogioco su Vincenzo De Luca

Il videogame ideato e sviluppato dalla DigiLab Software è già diventato virale: il governatore della Campania corre sul lungomare di Napoli saltando sulle pizze, raccogliendo mascherine, scansando runner e altri ostacoli ancor più pericolosi

Schermata di gioco

C’è Vincenzo De Luca che corre sul lungomare di Napoli con il Vesuvio sullo sfondo. Raccoglie mascherine, schiva runner, arriva perfino a scansare minacce ben più grandi come il premier Conte, Vittorio Feltri o Sgarbi.

DeLucaRun è un nuovo videogioco gratuito che sta spopolando in rete: ideato e sviluppato dalla DigiLab Software, ha per protagonista proprio il governatore della Campania. Nei panni di un Super Mario alternativo, il personaggio di De Luca sfreccia sul lungomare Caracciolo con l’obiettivo di collezionare più mascherine possibili lungo il percorso, saltellando sulle pizze margherite.

A ogni salto “SuperEnzo”, in tuta da idraulico, dirà «i tamponi», e di tanto in tanto pronuncerà quelle frasi che sono diventate virali durante le settimane di lockdown: «Questa va bene come maschera di carnevale per fare Bunny il coniglietto». Oppure: «Ho trovato vecchi vecchi cinghialoni della mia età che correvano senza mascherina». O ancora: «L’imbecille è quello che non porta la mascherina».

E ogni volta che si perde scatta la ramanzina, proprio come delle dirette del presidente in carne e ossa: «Quando noi pensavamo alla sanità, la litania che sentivo era ‘ma preoccupiamoci anche dell’economia’».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta