Con la cultura si mangiaIl museo dedicato a “l’oro nero” del Mediterraneo rinato grazie ai fondi europei

Grazie ai finanziamenti comunitari la Regione Sardegna ha potuto ristrutturare il museo dell'Ossidiana di Pau, l'unico in Europa a far conoscere il vetro vulcanico che veniva raccolto nell’isola da tante popolazioni forestiere per creare lance e frecce

Museo dell'Ossidana

PlaYOURope è il format radiofonico che in 15 minuti racconta la politica di coesione dell’Unione europea e i suoi principali strumenti il Fondo Sociale Europeo e il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale attraverso le storie di chi, grazie a questi fondi, è riuscito ad esempio ad avviare una propria start-up ad alto contenuto di innovazione tecnologica, a rimuovere delle barriere architettoniche che impedivano la fruizione di spazi comuni o ancora a restituire alla cittadinanza beni dell’immenso patrimonio culturale a cui non si poteva più accedere. Il progetto è realizzato con il contributo di CesarAdisu e l’Officina

Cultura e creatività non hanno un valore solamente artistico. Attraverso l’utilizzo dei Fondi strutturali e di investimento dell’Unione europea, il loro potenziale di sviluppo può essere sfruttato per la creazione di posti di lavoro e la crescita nelle regioni e nelle città di tutta Europa. Soprattutto in quelle più depresse.

In questa puntata vi racconteremo una storia che grazie a un investimento del Fondo europeo di sviluppo regionale ha contribuito a rivitalizzare un territorio spesso dimenticato.

Scopriremo il Museo dell’Ossidiana di Pau insieme a Maria Cristina Ciccone, archeologa ed educatrice museale. Si tratta dell’unico museo monotematico in Europa dedicato all’Ossidiana, l’oro nero” dell’Antichità. Sin dal VI millennio a.C molti popoli del Mediterraneo arrivavano nella regione dell’Alta Marmilla, in Sardegna per ottenere il vetro vulcanico che affiora nei giagimenti del monte Arci. Grazie ai fondi europei di sviluppo regionale le autorità locali hanno potuto ristrutturare il museo e innestare

Ascolta “Il museo dell’Ossidiana di Pau” su Spreaker.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta