Offesi i colleghiVittorio Sgarbi espulso dall’aula di Montecitorio

Il critico d’arte è stato portato fuori letteralmente di peso da quattro commessi dopo un intervento contro la magistratura e la richiesta di una commissione d’inchiesta

Vittorio Sgarbi è stato espulso dall’Aula di Montecitorio prima del voto sul decreto legge relativo a intercettazioni, scarcerazioni e app Immuni. Sgarbi è stato portato fuori letteralmente di peso da quattro commessi, che lo hanno sollevato due per le gambe e due per le braccia, dopo che, espulso dalla vicepresidente Carfagna, si ostinava a non uscire dall’Emiciclo.

«Non può offendere i suoi colleghi, non può pronunciare parolacce», gli ha detto la vicepresidente Mara Carfagna tra gli applausi unanimi. Sgarbi ha urlato più volte «vergogna, vergogna!», mentre qualcuno gli diceva «pagliaccio».

A innescare lo scontro l’intervento di Vittorio Sgarbi contro la magistratura e la richiesta di una commissione d’inchiesta. Parole che hanno suscitato reazioni di esponenti di vari Gruppi, a cominciare da Giusi Bartolozzi di Forza Italia, alla quale Sgarbi ha gridato più volte parole come «Vaffanculo», «stronza».

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta