Tianwen-1La Cina ha lanciato la sua prima sonda verso Marte

L’obiettivo è studiare le caratteristiche geologiche del pianeta rosso e comprenderne meglio la composizione

Afp

L‘Agenzia spaziale cinese ha lanciato verso Marte la missione Tianwen-1, con l‘obiettivo di portare sul pianeta il suo primo robot automatico (rover) per l‘esplorazione del suolo marziano.

La Cina, nel caso di una buona riuscita della missione, diventerà il secondo paese ad avere un rover funzionante su Marte dopo gli Stati Uniti. Lo scopo di Tianwen-1 è di studiare le caratteristiche geologiche di Marte e di comprenderne meglio la composizione. La sonda avrà il compito di analizzare e mappare alcune regioni del pianeta. Raggiungere il suolo di Marte è estremamente complesso a causa dalla presenza di un‘atmosfera molto rarefatta, che non consente di rallentare più di tanto la discesa dei lander verso destinazione.

Il lancio è avvenuto dal Centro spaziale di Wenchang sull‘isola di Hainan, nella parte meridionale della Cina. Tianwen-1 comprende: una sonda spaziale, che rimarrà in orbita intorno a Marte; un lander, che resterà fisso sul suolo marziano e un rover, che potrà invece muoversi ed esplorare il pianeta. Pochi giorni fa è partita anche la missione Amal degli Emirati Arabi Uniti, costituita però da una sola sonda che rimarrà in orbita intorno a Marte. La NASA ha invece in programma il lancio di Perseverance, un nuovo rover di grandi dimensioni, per la prossima settimana.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta