Bundestag XXLCome i tedeschi hanno ridotto il numero di deputati senza fare referendum populisti

In Germania la Camera dovrebbe essere composta da 598 membri, ma il complicato meccanismo di redistribuzione dei seggi extra ha fatto aumentare i parlamentari a 709 nelle elezioni del 2017. Per questo Cdu e Spd si sono accordate per diminuire i collegi da 299 a 280, a partire dal 2025

Afp

Quando si è concluso lo spoglio delle ultime elezioni politiche, nel settembre del 2017, gli analisti politici tedeschi hanno individuato subito alcuni aspetti notevoli del nuovo Bundestag che si sarebbe insediato di lì a qualche settimana. Ad esempio l’ingresso fra i banchi del Parlamento federale di un partito di estrema destra come AfD, per la prima volta nella storia repubblicana, e addirittura come terza forza dopo Union e SPD; o il ritorno dei liberali della FDP, nuovamente sopra la soglia del 5% dopo un esilio di quattro anni.

Oppure la partecipazione femminile, in controtendenza in confronto alle precedenti legislature: rispetto al 37,3% di parlamentari donne nel Bundestag uscente, quello emerso dalle urne del settembre 2017 ne avrebbe contate 17 in meno, pari al 30,7% del totale. Ma il dato sicuramente più impressionante è stato fin da subito quello meramente numerico: fatti tutti i calcoli, ci si è resi conto che il diciannovesimo Bundestag avrebbe ospitato l’incredibile numero di 709 deputati, record assoluto della storia parlamentare tedesca – che pone la Germania dietro solo alla Cina e ai suoi quasi 3.000 membri dell’Assemblea nazionale del popolo.

A detta di tutti gli osservatori, un numero così grande poneva il serio rischio di una scarsa funzionalità: dalla ordinaria attività legislativa alle mansioni delle diverse commissioni, dover avere a che fare con 709 parlamentari rende anche le procedure più semplici potenzialmente molto più macchinose, ed estremamente complicato gestire le possibili maggioranze.

Non solo: per così tanta gente ci vuole adeguato spazio, e l’edificio del Bundestag non ne aveva, tanto che alcuni neoeletti hanno dovuto stabilire i propri uffici in un palazzo vicino usato negli anni ‘30 dai nazisti per il Ministero dell’Interno, e sui cui muri è possibile ancora trovare qualche svastica. Teoricamente il Bundestag dovrebbe essere composto da 598 deputati. La legge elettorale prevede infatti che, per ognuno dei 299 distretti in cui è diviso il Paese, ogni cittadino abbia a disposizione due voti: un Erststimme (“primo voto”) e uno Zweitstimme (“secondo voto”).

Con il primo voto si sceglie il candidato: chi prende più voti vince il Direktmandat, il “mandato diretto” e un seggio in Parlamento. First-past-the-post, uninominale secco. Con il secondo voto si sceglie invece il partito, ed entra in gioco il proporzionale. I vincitori dei Direktmandate occupano 299 seggi, la metà: i restanti posti vengono distribuiti proporzionalmente tra tutti i partiti che, nelle varie liste presentate nei 16 Länder, superano la soglia del 5%. È qui però che iniziano i problemi.

È possibile che un partito in un Land ottenga più Direktmandate rispetto al numero di seggi che gli spetterebbe in base ai risultati ottenuti col secondo voto: a questo punto a quel partito vengono assegnati dei seggi extra, i cosiddetti Überhangmandate, per bilanciare lo squilibrio. Tale aggiustamento, però, genera un nuovo squilibrio fra quel partito e gli altri, perché sfalsa le proporzioni certificate dallo Zweitstimme: per correggere lo sbilanciamento, dal 2013 anche agli altri partiti vengono assegnati dei seggi extra, gli Ausgleichsmandate, in modo da rispecchiare nuovamente i risultati del secondo voto.

Il metodo di ricalcolo e redistribuzione dei seggi è estremamente complicato – si scherza spesso sul fatto che solo una manciata di nerd dei sistemi elettorali ne conosca in profondità tutti i dettagli – ma come si vede consente di superare la soglia dei 598 deputati con molta facilità, tanto che alcuni esperti già nel 2013 mettevano in guardia dal rischio concreto di arrivare a oltre 800 parlamentari. Per scongiurare un simile scenario, i partiti della Grosse Koalition hanno raggiunto martedì scorso un compromesso su una parziale riforma della legge elettorale, che come primo passo mira a ridurre il numero dei collegi da 299 a 280.

La riforma entrerà in vigore a partire dalle elezioni del 2025, e potrebbe includere ulteriori modifiche: nell’accordo Union e SPD hanno stabilito che, dopo il voto previsto nell’autunno dell’anno prossimo, verrà istituita un’apposita commissione (a cui parteciperanno esponenti della maggioranza e dell’opposizione) per discutere alcuni punti da tempo al centro del dibattito. Ad esempio l’abbassamento dell’età minima per votare, da portare a 16 anni, o l’allungamento della durata di una legislatura da quattro a cinque anni; altre proposte riguardano l’introduzione di quote rosa e addirittura di un limite massimo di parlamentari esplicitamente stabilito.

Continua a leggere su Kater, un blog collettivo che parla di Germania – o almeno ci prova – al di là di semplificazioni, stereotipi e luoghi comuni.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta